Certificazioni fimi:
Crediti Foto: Instagram/Lewis Capaldi Scatto di Zakary Walters

Ventunesima settimana del 2020 per le certificazioni FIMI (Federazione Industria Italiana Musicale) e nessun album è riuscito ad ottenere nuove “medaglie” per le vendite. Diversa la situazioni per i singoli con un disco di platino e diversi dischi d’oro rilasciati. 

Certificazioni singoli della settimana numero 21 dl 2020

Before you go del cantautore britannico Lewis Capaldi questa settimana conquista il disco di platino; l’ambita certificazione in Italia arriva a meno di un anno dal lancio del brano. Il singolo, infatti, è stato pubblicato lo scorso 19 novembre, come primo estratto, in occasione della ristampa dell’album d’esordio Divinely Uninspired to a Hellish Extent.

Tra le canzoni certificate, fortunatamente, ne troviamo anche due italiane: Greta Thunberg (lo stomaco), brano non singolo di Marracash feat. Cosmo contenuto nell’ultimo concept album Persona del rapper; e Cracovia, Pt.3 de Il Tre; uno delle giovani promesse del rap italiano. Il pezzo è stato pubblicato il 3 settembre del 2019.

Disco d’oro per le oltre 35.000 copie vendute anche per un altro grande rapper internazionale; parliamo di Eminem e della sua Godzilla in featuring con Juice WRLD.

CLICCA QUI per le classifiche FIMI Top Album e Top Singoli

Soglie Certificazioni FIMI

Soglie certificazioni FIMI Album e Compilation
  • ORO oltre le 25.000
  • PLATINO oltre le 50.000
  • DOPPIO PLATINO oltre le 100.000
  • TRIPLO PLATINO oltre le 150.000
  • QUADRUPLO PLATINO oltre le 200.000
  • 5 PLATINO oltre le 250.000
  • DIAMANTE oltre le 500.000
Soglie certificazioni FIMI Singoli Online
  • ORO oltre le 35.000
  • PLATINO oltre le 70.000
  • DOPPIO PLATINO oltre le 140.000
  • TRIPLO PLATINO oltre le 210.000
  • QUADRUPLO PLATINO oltre le 280.000
  • 5 PLATINO oltre le 350.000
  • 6 PLATINO oltre le 420.000
  • 7 PLATINO oltre le 490.000
  • 8 PLATINO oltre le 560.000
  • 9 PLATINO oltre le 630.000
  • DIAMANTE oltre le 700.000


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteOrnella Vanoni firma con la BMG: in arrivo un nuovo album di inediti dopo 7 anni
Articolo successivoFerie 2020, le vacanze post-coronavirus. Sicilia e Giappone incentivano il turismo con rimborsi per le spese di viaggio dei turisti
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".