Sono giorni ardui questi per l’ormai ex presidente Donald Trump. All’indomani dell’insediamento del Presidente eletto Joe Biden e la vice presidente Kamala Harris alla Casa Bianca, il presidente Trump sarebbe furioso contro alcune stelle dello spettacolo che saranno presenti alla cerimonia di Biden.

Questo secondo alcune fonti vicine al tycoon, che gli hanno fatto da portavoce via Washington Post. In particolare sarebbe furioso con Lady Gaga, che canterà l’inno nazionale, ma anche con Jennifer Lopez e Justin Timberlake.

DONALD TRUMP CONTRO LO STAR SYSTEM

Una furia di Trump tradotta in invidia, dato che nel 2017 diverse star si rifiutarono di esibirsi alla sua cerimonia di insediamento alla Casa Bianca. Non è necessario spiegare il motivo del rifiuto da parte dello star system, la cui buona fetta fu sostenitrice di Hillary Clinton alle elezioni presidenziali del 2016.

Per questo motivo il presidente Trump si dovette “accontentare” della presenza di artisti minori, come i 3 Doors Down, DJ Ravidrums e The Piano Guys.

GLI ARTISTI PRESENTI ALLA CERIMONIA DI BIDEN

Se nella cerimonia di insediamento di Trump vennero artisti poco conosciuti, alla cerimonia per Biden di domani, invece, saranno presenti figure di di un certo livello. Basti pensare che alla conduzione della cerimonia ci sarà l’attore Tom Hanks e a cantare l’inno nazionale statunitense, come sopra citato, sarà proprio Lady Gaga.

Altre star come Jennifer Lopez, Demi Lovato, i Foo Fighters, Justin Timberlake, Bruce Springsteen e l’attrice Kerry Washington presenzieranno alla cerimonia. Sarà trasmessa in tutte le televisioni statunitensi a reti unificate, esclusa Fox News, che da sempre ha sostenuto il presidente uscente.

Intanto Donald Trump stamane ha lasciato definitivamente la Casa Bianca.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


OA PLUS MUSIC AWARDS 2020. Chi sono i “Migliori esordienti” dell’anno? Vince Blanco – ECCO LA TOP 10

Stati Uniti, Rachel Levine sottosegretaria alla Sanità: è la prima donna trans a ricoprire l’incarico