Sta facendo scalpore in questi giorni la morte del giovane Samuel Luiz, un giovane infermiere gay e attivista per i diritti LGBT di 24 anni ucciso nella notte tra venerdì e sabato a La Coruña da dodici persone in un brutale attacco di stampo omofobo.

L’omicidio è avvenuto fuori da un locale attorno alle 3 del mattino. Samuel stava facendo una videochiamata, quando un uomo lo ha visto e ha cominciato ad accusarlo di filmarlo. Questo è bastato perché il 24enne venisse prima aggredito verbalmente e poi a calci e pugni. Pochi minuti dopo l’uomo è tornato con altre 12 persone che si sono accanite contro il giovane fino ad ucciderlo. A quel punto Luiz è stato trasportato in ospedale, dove è morto sabato mattina.

Gli amici ritengono che sia stato un attacco di stampo omofobico, ma gli investigatori sostengono che non si tratti di questo. Il Primo Ministro Pedro Sánchez ha dichiarato di essere “fiducioso del fatto che le indagini della Policia Nacional riusciranno presto ad identificare coloro che hanno ucciso Luiz ed a far luce sull’accaduto”.

LE PROTESTE CONTRO L’OMOFOBIA DOPO LA MORTE DI SAMUEL LUIZ

Questo drammatico episodio ha segnato fortemente la comunità LGBT+ spagnola, soprattutto perché è avvenuta 3 giorni dopo la fine del Pride Month e l’approvazione della Ley Trans – tra le altre cose, la legge punta anche alla facilitare la denuncia di violenza omotransfobica.

Per questo motivo in diverse città spagnole come La Coruna, Barcellona, Valencia, Salamanca, Bilbao e Saragozza, molti manifestanti sono scesi i piazza intenti a cantare lo slogan “la vosta omofobia ci sta uccidendo“ e chiedere l’intervento delle autorità.

Queste manifestazioni sono supportate anche dal partito di sinistra Podemos, che ha twittato: “Da Coruña a Siviglia, oggi ci uniamo in tutta la Spagna per dimostrare la repulsione provata nei confronti di questa nuova ondata di odio anti LGBT, che è costata la vita a Samuel Luiz“.

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

TAG:
LGBT omicidio omofobia Spagna

ultimo aggiornamento: 07-07-2021


Tragedia all’acquapark: gommone si ribalta, muore bambino di 11 anni

Coronavirus, niente tampone o quarantena per i bambini in viaggio