Chiara Ferragni, imprenditrice digitale, CEO del blog The Blonde Salad e della Chiara Ferragni Collection che ha dato lavoro ad 80 dipendenti anche durante il lockdown, è stata denunciata dal Codacons. La fashion blogger cremonese, da più di un anno moglie del rapper Fedez e mamma del piccolo Leone, è oramai un personaggio talmente famoso che ogni sua mossa viene messa sotto torchio.

Proprio in queste ore sta facendo discutere una foto apparsa sul settimanale Vanity Fair che ha immediatamente smosso il Codacons e l’irrefrenabile voglia di denuncia. La Ferragni, infatti, ha posato per il periodico di moda, costume, cultura e politica, raffigurata da Madonna. Queste le parole con cui, la bella imprenditrice, è stata riconosciuta colpevole di blasfemia e offesa al sentimento religioso:

“Presentiamo un esposto alla Procura della Repubblica e al Ministro dei beni culturali Dario Franceschini affinché intervengano su quella che non è una provocazione, ma una grave mancanza di rispetto per i cristiani, per l’intero mondo religioso e per l’arte in genere. L’immagine che raffigura la Ferragni nei panni di una moderna Madonna con bambino dipinta da Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria ‘macchina da soldi’ finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene”.

Tanto macchina da soldi a lucro personale che, durante il lockdown, con il proprio crowfunding ha raccolto più di 5 milioni di euro e li ha devoluti all’ospedale San Raffaele di Milano…..

 

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

 

 

 

Crediti Foto: the_webnews/instagram

TAG:
Chiara Ferragni codacons Fedez foto Madonna vanity fair

ultimo aggiornamento: 28-09-2020


Ancora carcere per Patrick Zaki, nuovo rinvio al 7 ottobre

Cinema. “Waiting for the Barbarians”