Tinto Brass, 86 anni, regista sceneggiatore amante del cinema erotico, padre del celeberrimo film La chiave con Stefania Sandrelli, oggi punta il suo sguardo su Elodie, cantante proveniente dal talent Amici di Maria De Filippi, recentemente classificata ottava al Festival di Sanremo con la canzone Andromeda.

Una ragazza dal passato familiare difficile, un’espressione dura, quell’aria da arrabbiata che la rende inavvicinabile. Sono forse questi particolari che la rendono inarrivabile e quindi gradita a Tinto Brass?

Il regista durante un’intervista al Messaggero confessa che ha guardato il Festival di Sanremo ma ha trovato le presentatrici tutte uguali e inespressive, “non le distinguevo l’una dall’altra’” mentre “Quella coi capelli corti…”. Elodie, gli è piaciuta. Gli è piaciuta la sua espressività, il saper trasmettere qualcosa, la sua bellezza, il sapersi muovere dentro abiti succinti e sexy.

Il cinema non gli appartiene più. Raramente Tinto Brass trova cose interessanti. Oggi il sesso è comodamente sul web, poco al cinema, ma Tinto non ama questa espressione del sesso. “In internet il sesso viene raccontato in modo meccanico, condizionato alla manifestazione di una sessualità maschile bruta e falsa. Pornhub è il nuovo buco della serratura, ed è molto stupido”.

E riguardo alle molestie sul set, dichiara che è vero che i produttori nel mondo del cinema molestano le attrici ma che lui si sente estraneo a questo tipo di accuse perché “Se sui miei set succedeva qualcosa, e succedeva, era consensuale e alla luce del sole”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Elodie/Instagram-Tintobrassfanclub/Instagram


I Genesis di nuovo assieme tredici anni dopo! Domani annunceranno il loro nuovo tour in UK

Cinema, LA FABBRICA DEI SOGNI. Sta tornando Indiana Jones!