L’enfant prodige romano, classe 1982, Silvio Muccino, ha detto addio al cinema. Il fratello minore del più famoso Gabriele, che ha debuttato nel cinema come attore a soli 16 anni nel film “Come te nessuno mai” nel 1999, diretto proprio da Gabriele con il quale scrive anche la sceneggiatura, ha deciso di dedicarsi alla sua attività di falegname.

Secondo Alfonso Signorini, nella sua rubrica Pillole di Gossip, “Silvio ha lasciato i set per trasferirsi in Umbria e coltivare la sua grande passione: lavorare il legno. Infatti, ha aperto un mobilificio di prodotti fatti a mano per la casa. E il suo marchio va a ruba”.

Silvio è balzato alle cronache, negli ultimi tempi, per i brutti dissapori avuti con Gabriele, con l’ultimo capitolo risalente a marzo 2019 che ha visto il rinvio a giudizio di Silvio per diffamazione nei confronti del fratello maggiore (Il cui ultimo lavoro, Come te nessuno mai, uscirà nelle sale italiane nel febbraio 2020)

Una brutta pagina di gossip, che, con ogni probabilità, ha portato il giovane attore ad abbandonare il set e a ritirarsi a vita privata, ma, sicuramente, anche per la frustrazione subita per via dei 3 film da lui diretti tra il 2008 ed il 2015, che non hanno riscosso i successi sperati.

Buona vita, Gabriele.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS