John Davis, produttore di Predator 5, ha dichiarato che il reboot sarà ai livelli del primo film, uscito nel 1987 con protagonista Arnold Schwarzenegger. “Portarà nuova linfa al franchise”

Predator 5, bello come l’originale

Durante un’intervista, John Davis ha parlato di “Skull” (nome assegnato a “Predator 5“) sottolineando quanto il film si avvicini molto all’originale, del 1987, con Arnold Schwarzenegger nei panni del protagonista. Il produttore, inoltre, ha ammesso che gli altri capitoli della saga sono “usciti dai binari”. Questa nuova pellicola, invece, “porterà linfa vitale al franchise” ha dichiarato:

“Sarà, credo, il secondo miglior film su Predator. O il primo. O potrebbe essere uguale al primo. Sento che il film del 1987 è stato meraviglioso e interessante e so cosa ha funzionato. Da allora non siamo più riusciti a creare qualcosa dello stesso livello, siamo finiti altrove. Penso che questo film sia un degno complemento del primo. Sarà altrettanto bello.”

Trama del primo capitolo

Il primo film, diretto da John McTiernan (Die Hard) e con protagonista Arnold Schwarzenegger, vedeva un gruppo di commando avventurarsi in una missione di salvataggio, nel territorio dell’America Centrale, salvo poi essere braccati da una creatura aliena equipaggiata di una tecnologia altamente avanzata.

Il film ha generato tre sequel e due crossover (Predator vs Alien). La nuova pellicola, sebbene si sappia ben poco attualmente, avrà una protagonista femminile e si svolgerà molti anni prima dell’episodio “classico” uscito nel 1987. L’intenzione, in ogni caso, è quella di realizzarlo con rating R (vietato ai minori), offrendo così la possibilità di riproporre la giusta dose di violenza che aveva contraddistinto il primo capitolo.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

TAG:
Predator 5

ultimo aggiornamento: 30-07-2021


Elodie debutta come attrice nel film “Ti mangio il cuore”

LA FABBRICA DEI SOGNI. Scarlett Johansson fa causa alla Disney