Di Chiara Sani

Nel biopic ‘A BEAUTIFUL DAY IN THE NEIGHBORHOOD’, Tom Hanks ci regalerà un’altra splendida interpretazione. E’ un film dedicato al leggendario e geniale presentatore televisivo, FRED ROGERS (scomparso nel 2003), creatore dello show per ragazzi ‘Mister Rogers’Neighborhood’.

Poco più di un mese fa, il 7 settembre, il film è stato presentato ufficialmente in occasione del Toronto film Festival riscuotendo un enorme successo. La trama è molto interessante perché parla della visione del mondo diametralmente opposta di due personaggi: il presentatore TV Fred Rogers (Tom Hanks) e il famoso giornalista della rivista Esquire Tom Junod (Matthew Rhys, protagonista della splendida serie ‘The Americans’). Quest’ultimo, cinico e pluripremiato giornalista, accettò controvoglia di intervistare la star del programma per bambini, ma nel corso dell’intervista che realizzò, venne conquistato dalla purezza e dalla particolare visione del mondo di Rogers.

La sceneggiatura di questo film era stata inserita dal 2013 nella lista delle migliori sceneggiature non ancora messe in produzione, poi finalmente qualcosa si è sbloccato e si è trasformata in un grande capolavoro. Tom Hanks è stato eccezionale nel calarsi in questo personaggio, per molti versi affine alla sua natura sensibile, fanciullesca e genuina.

La regista MARIELLE HELLER ha spiegato che per Tom Hanks era semplicemente un lavoro di ‘meno è di più’, perché in lui c’erano già tutti gli ingredienti per rappresentare l’anima di questo grande personaggio televisivo. La regista ha dovuto però lavorare a lungo per contenere la naturale e vulcanica energia dell’attore, il quale in realtà aveva bisogno solo di un paio di sopracciglia definite e una semplice parrucca:

Ha una personalità forte! Quando entra in una stanza è impossibile non accorgersi di lui. Stringe la mano a tutti ed è molto divertente, non c’è mai un momento imbarazzante quando sei in giro con Tom Hanks. Fred Rogers, d’altro canto, era molto diverso: con lui c’erano anche dei momenti imbarazzanti, poteva restare seduto ed in silenzio, cosa che Tom non riuscirebbe mai a fare con naturalezza. Lui mette tutti a proprio agio e fa sentire tutti fantastici. Fred aveva il potere di disarmare le persone, facendo una domanda e poi sedendosi, restando a fissare il suo interlocutore finchè non otteneva una risposta. LA MIA SFIDA COME REGISTA è stata quella di far diventare Tom Hanks un po’ meno Tom Hanks… lasciare libero il disagio, l’imbarazzo ed il dolore.

Sappiamo tutti quale incredibile talento possieda Tom Hanks, quanto sia empatico nell’immedesimazione con figure diverse e che gamma infinita di emozioni e sfumature sia in grado di esprimere. Lo ha già dimostrato con i film ‘Forrest Gump’e ‘Philadelphia’ che gli sono valsi due Oscar.

Il film uscirà nelle sale statunitensi il 22 novembre e per Tom Hanks si preannuncia una nuova straordinaria opportunità che potrebbe portarlo dritto alla vittoria del suo terzo Oscar!

TAG:
Tom Hanks

ultimo aggiornamento: 16-11-2019


Musica Italiana, Nuove Uscite. Biagio Antonacci: ripropone la sua anima latina in “Ci siamo capiti male”

TV, Rai1. Una Storia Da Cantare: Fabrizio De André reinterpretato anche da Ornella Vanoni e Loredana Bertè, ospiti da Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero