L’isola di Cuba fa da apripista e ha cominciato a vaccinare contro il Covid i bambini a partire dai 2 anni di età per poter riaprire le scuola in sicurezza. Nel paese, il primo al mondo a farlo, verrà somministrato il vaccinoSoberana II”, siero auto-prodotto in patria ma che è ancora privo del riconoscimento dell’Oms.

“Questo permesso garantisce di proseguire senza pause il cronoprogramma nazionale di immunizzazione”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Bruno Rodriguez, dopo il via libero dell’ente regolatorio cubano Cecmed. Le somministrazioni del vaccino ai bambini dai 2 fino ai ragazzi di 18 anni sono cominciate già il 5 settembre e dureranno fino al 5 novembre. Toccherà prima alla fascia 12-18 anni e poi si passerà ai più piccoli. Con questa mossa il governo cubano spera di velocizzare l’immunizzazione dei ragazzi per permettere a tutti di tornare alle lezioni in presenza. “Sappiamo – ha detto la ministra della pubblica Istruzione, Velázquez Cobiella – che le famiglie cubane sono molto preoccupate per la ripresa dell’anno scolastico 2021-2022″.

Sono due attualmente i vaccini contro il Covid sviluppati direttamente da Cuba: Abdala e Soberana. Quest’ultimo, quello che sarà somministrato ai bambini, è stato approvato – in via emergenziale – dall’Agenzia regolatoria dei medicinali Cecmed per la fascia 2-18 anni. In totale a Cuba sono stati registrati più di 670mila casi di Covid e oltre 5mila morti, la metà dei quali per ad agosto. Da qui la nuova spinta alla campagna promossa dal governo e con focus sui più piccoli.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

 

 

TAG:
Bambini Coronavirus cuba Soberana II Vaccino anti-Covid

ultimo aggiornamento: 08-09-2021


Stupra la figlia di 8 anni dell’amico e la fotografa durante la violenza, lui si fa giustizia uccidendolo a coltellate

Chiara, uno straccio in bocca imbevuto di candeggina e l’aggressore: “L’ho vista sul terrazzo e ho perso la testa”