Oggi, alle 12.51 italiane, a nord delle coste dell’isola greca di Samos e vicino alle coste turche, nel mar Egeo, si è scatenato un forte terremoto di magnitudo 7.0 che ha causato un piccolo tsunami. Numerose infatti solo le faglie che in quella zona rendono gli eventi sismici fenomeni comuni.

Il Sisma ha distrutto edifici e ancora molte persone sono intrappolate sotto le macerie. Per ora (30 ottobre 23.00) le vittime accertate sono 19, di cui due ragazzi di Samos di 15 e 17 anni.

I danni maggiori si contano a Smirne, la metropoli turca colpita prima dal terremoto poi dalle inondazioni generate da esso, dove presumibilmente ci sono decine di morti e centinaia di feriti, e numerosi palazzi crollati o danneggiati.

Il governatore della città Yavuz Selim Kosger ha dichiarato: «C’e’ stato un grave terremoto. Ci trasferiremo al centro di crisi. Qualsiasi informazione arrivi, la comunicheremo in dettaglio». Secondo quanto riporta la stampa turca, il sisma e’ stato avvertito con forza anche a Istanbul ed a Edirne.

Intanto i centri di monitorazione hanno iniziato a cercare gli eventuali tsunami che le scosse possono aver scatenato in direzione occidentale, che potrebbero giungere in poche ore fino alle coste meridionali d’Italia.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

 

TAG:
Grecia Smirne terremoto Turchia

ultimo aggiornamento: 31-10-2020


VIDEO Cortei a Firenze contro il Dpcm. Scontri e cariche della Polizia

Grande Fratello Vip: Guenda eliminata, il web si scatena: “Televoto truccato per favorire Elisabetta”