Di Michela Bellini

“Sono a dieta e mi hanno consigliato il fruttosio al posto dello zucchero”.

Dolcifica di più quindi ne posso usare meno e abbassare le calorie!!!! Sono cattivissima, ma anche questa volta devo distruggerti un mito. Ormai da tanti anni è stato dimostrato che l’eccesso di fruttosio è dannoso per la salute. Noi non ce ne accorgiamo, ma il fruttosio è già molto presente nella nostra alimentazione. E’ lo zucchero della frutta ed è particolarmente presente in:

  • carote
  • fichi
  • prugne
  • peperoni
  • zucchine
  • banane 
  • mele (compreso i succhi usati delle marmellate)
  • uva (compreso i succhi usati delle marmellate)
  • miele

In più molti prodotti industriali sono arricchiti con sciroppo di fruttosio-glucosio (merendine, biscotti, yogurt alla frutta, snack dolci). Aggiungere anche il fruttosio come dolcificante va a causare un eccesso di questo zucchero con possibili gravi conseguenze.

  1. affaticamento del fegato: il fruttosio viene metabolizzato in questo importante organo. Se il fegato è già impegnato a dover gestire farmaci o è affetto da patologie, il rischio è di peggiorarne la sua condizione
  2. steatosi epatica: è il fegato grasso, una condizione in cui l’organo accumula particelle di grasso e a lungo termine si infiamma. Questa infiammazione, può portare il fegato ad indurirsi e perdere via via la sua funzione arrivando anche alla cirrosi. Eccessi di fruttosio portano a livelli alti di trigliceridi nel sangue e questa è una condizione che predispone alla statosi epatica
  3. aumento dell’acido urico. Questa molecola è la causa della gotta e negli ultimi anni è stata anche inserita come fattore di rischio per patologie cardiovascolari come l’infarto
  4. acidosi metabolica: il fruttosio porta ad un aumento importante di acido lattico che può sfociare in condizioni gravi come aritmie cardiache o a lungo andare a favorire osteoporosi. Per tanti anni il fruttosio è stato consigliato ai diabetici poiché non provoca un rialzo dell’insulina; le conseguenze sono state gravissime.

 

Se vuoi sostituire lo zucchero ti consiglio di passare a dello zucchero di canna integrale o al malto (di riso o di orzo), cercando gradualmente di disintossicarti dal sapore marcatamente dolce e apprezzare ciò che natura crea senza additivi. In questo modo abbasserai le calorie, avrai una alimentazione sana, salverai il tuo peso e il tuo fegato.

 

 

completo stato di salute psicofisica della persona. Nell’anno 2019 conclude un percorso di formazione con il Prof. Franco Berrino, emerito epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano, autore di numerose pubblicazioni scientifiche e studioso dello stile alimentare collegato alle patologie croniche di questo secolo. Nel 2020 porta a termine il corso di alta formazione in Probiotica e Nutrizione acquisendo le competenze per la corretta integrazione probiotca e a fine anno inizia il percorso di studi Mymicrobiota con il Dott. F.Di Pierro e parallelamente si iscrive al corso biennale in Bioterapia Nutrizionale. Per OAPlus cura la rubrica Nutrimento Armonico.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Shutterstock


RADIO DATE del 14 maggio. Mahmood, cmqmartina, Chvrches, Diodato, Leon Bridges

Rubrica, COVER STAR. Francesca Michielin, Elton John, Tiziano Ferro, Franca Masu, Sarah Jane Morris