E’ in arrivo una stretta sui consumi di luce, gas e riscaldamento in vista dell’inverno. Il governo sta già lavorando ad una manovra “anti rincari” che potrebbe prevedere termosifoni spenti anche per due ore in più rispetto al passato e temperature di due gradi più basse nelle aree del Paese in cui il clima è più clemente. Ma anche su luce e gas bisognerà tenere d’occhio i consumi,  per evitare bollette esorbitanti.

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, sta lavorando con i tecnici al piano di risparmio energetico a cui sarà consigliabile attenersi a partire da ottobre, mese già più freddo in alcune zone d’Italia. In genere il 15 ottobre viene acceso il riscaldamento in circa 4.300 comuni italiani (zona climatica E) che comprendono grandi città come Milano, Torino, Bologna, Venezia.

Il piano di risparmio predisposto dal Mite arriva dopo i tagli conseguenti alla guerra in Ucraina ma soprattutto per renderci indipendenti dal gas russo ed è modulato sulla disponibilità che avrà il nostro Paese: gli stoccaggi si avvicinano all’83%, ha detto Cingolani oggi ai colleghi in consiglio dei ministri, aggiungendo che il piano interessa il settore civile, abitativo, residenziale, sia pubblico che privato.

“Mediante misure di minima riduzione delle temperature del riscaldamento, l’utilizzo di combustibili alternativi per limitati periodi e l’utilizzo ottimizzato dell’energia sarà possibile conseguire risparmi variabili dell’ordine tra 3 e 6 miliardi di metri cubi di gas in un anno, ha fatto sapere il ministro.

Per quanto riguarda le imprese, con due misure ministeriali che saranno finalizzate entro la prima metà di settembre, “che riguardano l’energy release (circa 18 twh) e il gas release (circa 2 miliardi di metri cubi)”, ci saranno prezzi controllati per supportare le aziende energivore e gasivore: in pratica sarà loro riservata una quota di energia a prezzi più bassi. Il piano che il Mite sta definendo è “basato sugli studi certificati condotti da Enea in materia di consumo e risparmio energetico” ha precisato il dicastero, annunciando una campagna di sensibilizzazione. In particolare, il governo sta ragionando su risparmi per le cosiddette aziende ‘interrompibili’, quelle cioè che possono modificare i cicli di produzione senza danni. Una delle proposte è quella di lanciare una manifestazione di interesse per le aziende che sono disponibili a interrompere il ciclo di produzione ad esempio per due o tre giorni, ‘aiutati’ a questa scelta con incentivi. E’ anche possibile organizzare un piano programmato dei consumi, per esempio cercando di capire chi può rinviare alcune produzioni o anticipare le manutenzioni rispetto alla seconda metà dell’inverno, quando gli stoccaggi si saranno ridotti.

Per quanto riguarda la scuola, fonti di governo escludono al momento il ritorno alla Dad (Didattica a distanza) e allo smart working nella Pubblica amministrazione. Che sia riscaldamento o luce o pc, le misure di risparmio dei consumi negli edifici dello Stato o delle Regioni vengono decise in autonomia dalle singole amministrazioni e magari messe a confronto e coordinate a livello centrale. Su questo punto potrebbe arrivare una direttiva ministeriale. Del resto nessun obbligo sarebbe previsto anche per i cittadini.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
gas rincari

ultimo aggiornamento: 02-09-2022


Tragedia in oratorio a L’Aquila, si stacca altalena e muore più tardi in ospedale Alessia, bambina di 12 anni

Orrore nel fiume Scrivia: residente trova resti umani di una testa. Si cerca in una lista di persone scomparse da alcuni anni