Il piccolo, secondo i primi accertamenti, pare aver fatto tutto da solo. Inutili i soccorsi

Tragico incidente nel pisano

Un ragazzino di 11 anni, figlio di un carabiniere e di un’agente di polizia municipale, è morto nella sua abitazione a Cascina (Pisa)dopo essersi sparato un colpo alla testa con la pistola del padre. Un terribile incidente: il piccolo avrebbe fatto tutto da solo, secondo le prime indiscrezioni. Il bambino, è stato appurato, era da solo nella sua camera quando è rimasto ferito mortalmente. Ancora da capire la dinamica del triste episodio. L’arma sarebbe quella del padre, un carabiniere in servizio in una provincia vicina.

Tutto è avvenuto intorno alle 13.30 e immediatamente sono stati chiamati i soccorsi. Il personale del 118, però, non ha potuto far altro che constatare il decesso del piccolo. L’arma sembra fosse custodita “con diligenza”, nel posto abituale. 

Nella casa teatro della drammatica vicenda, per tutto il pomeriggio hanno lavorato i carabinieri della sezione investigazioni scientifiche di Firenze, giunti subito dopo i colleghi della territoriale che per ore hanno cercato di consolare il padre.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

TAG:
Pisa figlio carabiniere

ultimo aggiornamento: 22-05-2021


A Novara mamma uccise figlio tossicodipendente e violento: “Ho ucciso un mostro”. Condannata a 24 anni, ma la comunità è tutta con lei

Piemonte, precipita una cabina della funivia “Stresa-Mottarone”: 13 vittime, gravi 2 bambini