Crediti Foto Enrico Carpinello

“Considerazioni sulla vita” è il nuovo singolo di Simone Perrone, in arte Blumosso [Clicca qui per leggere l’intervista di Ugo Stomeo].

Il brano anticipa l’uscita di altri singoli che verranno fuori nel corso dei prossimi mesi, costruendo il percorso che porterà all’uscita dell’album nel 2020. Nel brano Blumosso parla di sé nella maniera più diretta e sincera, e partendo dai i suoi ricordi, ci presenta una serie di considerazioni sulla vita nelle quali ognuno si può ritrovare e immedesimarsi.  La canzone è un trip che racchiude in sé i momenti belli, gli eccessi, le vittorie, le delusioni e le paure che tutti viviamo nel corso della nostra vita. La produzione del brano è ad opera dallo stesso Blumosso con la collaborazione della sua band: Matteo Bemolle alle tastiere, Roberto Fedele alla batteria e RafQu alle chitarre.

View this post on Instagram

Stanno succedendo un sacco di cose buone. ???????????????????????????????????????????????????????? ???????????????????? ???????????????? non è più solo mia, ma è anche vostra e scoprire che vi emoziona mi rende molto contento. Siamo in studio a mixare le nuove canzoni, @matteo_bemolle sembra preso bene e @marcoanconapics ha caldo , @roberto_fedele sta fumando in giardino, @rafqu è andato a comprare i caffe ☕️ Continuate ad ascoltare ???????????????????????????????????????????????????????? ???????????????????? ???????????????? sperando possa arrivare a più anime belle possibili ???? ———————————— #blumosso #considerazionisullavita #newsingle #studiosession #recordind #mixing #picoftheday #likeforlikes #instamusic #indieitalia #indie #indiemusic #bnw #fotografia #fotobiancoenero #biancoenero #cantautore #musicaemergente ———————————— @machitelhachiesto [stampa]———————————— donna foto di

A post shared by ???????????????????????????????? (@blumosso) on

VIDEOCLIP

La storia animata vede il protagonista del video, Blumosso, viaggiare su una vecchia 600 che ha sul tettuccio bagagli, libri, chitarre… tutti pezzi di una vita. La 600 viaggia tra vari scenari reali e fantastici, perdendo sempre pezzi dal tettuccio. Blumosso incontra anche una donna con la quale percorre un pezzo di strada, ma da cui a un certo punto si separa. Il viaggio continua fino a che tutti i bagagli sono caduti, ma anziché essere una perdita, il personaggio finalmente può aprire il tettuccio, e sentirsi libero.

Il videoclip di “Considerazioni sulla vita” è realizzato dal cartonista Hermes “Hem” Mangialardo. È anche il terzo e ultimo episodio della storia iniziata con i video di “In un albergo di Milano” e “Quella maledetta estate”, che vedono lo stesso protagonista: Blumosso, ma disegnato in stili ogni volta diversi.

BIOGRAFIA

Blumosso è Simone Perrone, classe ’87, cantautore nato e cresciuto in provincia di Lecce. Inizia ad avvicinarsi alla musica a soli 8 anni, studiando pianoforte. Scrive le sue prime canzoni a 15 anni, ispirato dai grandi cantautori italiani (Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Franco Battiato, Niccolò Fabi…) e le canta a suo nome: Simone Perrone, condividendo negli anni palchi importanti con artisti come Zucchero Fornaciari, Simone Cristicchi, Negramaro ed Elio e le storie tese.

Dal 2016 in poi, avvicinandosi ad un tipo di scrittura più matura, che mescola le sonorità indie al cantautorato italiano in chiave moderna, decide di abbandonare il suo nome per dar vita a Blumosso, pseudonimo con il quale nel 2018 pubblica un album dal titolo In un baule di personalità multiple[Cabezon/Xo la factory].

Blumosso è un neologismo. È il colore del mare quando è in tempesta: “ è anche il colore del mio stato d’animo quando mi viene più facile scrivere canzoni”, spiega Simone Perrone, autore e compositore dei brani di Blumosso. “A volte capita di cogliere nei luoghi e nei modi più imprevisti minuscoli particolari che, seppur nell’immediato non interpretabili, sembrano racchiudere la bellezza del mondo, il senso di ogni cosa, la risposta a tutte le domande. Una mattina ti svegli e mentre percorri il solito tragitto vieni rapito da un dettaglio che per anni avevi ignorato. Un colore, un rumore, un sorriso, un posto, un suono, una voce, una luce. Blumosso racconta tutto questo.”

Simone Perrone è anche uno scrittore: nel 2015 pubblica il suo primo romanzo, “Spremuta d’arancia a mezzogiorno” [Lupo editore].

View this post on Instagram

UN ANNO DOPO: è passato un anno esatto, era il 3 ottobre, quando arrivarono a casa mia le copie del disco. Il primo disco di Blumosso, In un baule di personalità multiple. Ero molto felice perché per la prima volta potevo toccare con mano le mie canzoni, la mia musica. Scattai questa foto, inviandola a Bemolle, Raf, Roberto e a chi d'importante ho e avevo nella mia vita. Da allora, un sacco di cose sono cambiate, questo disco mi ha permesso di suonare tanto e un po' ovunque e di farmi conoscere da molta gente. Insomma devo dire grazie al "baule" per tutto quello che mi ha dato, anche se a dire il vero qualcosa me l'ha tolta. Ma è più quello per cui devo ringraziarlo. ???? ???????????????????????????????????????????????????????? ???????????????????? ???????????????? ————————————— #considerazionisullavita #inunbauledipersonalitàmultiple #blumosso #foto #disco #instalike #likeforlikes #picoftheday #elefante #cd #love #musica #indieitalia #instamusic #anniversario

A post shared by ???????????????????????????????? (@blumosso) on

Cover Singolo “Considerazioni sulla vita”

***

CONSIDERAZIONI SULLA VITA

Edizioni: MAGGIO Publishing (Antonio Maggio)

TRACKLIST

  1. Considerazioni sulla vita

TESTO

Mi ricordo quando ho perso la verginità,

Marta, una seicento, che scomodità,

vatti a ricordare di Dio in quel momento,

manciate di fiato. Sia benedetto il silenzio.

Mi ricordo il primo schiaffo di mia madre,

ero piccolo, talmente piccolo,

uno schifo di bimbo che giocava a pallone

e che tornava al tramonto a casa sporco quasi fosse un muratore.

Poi son cresciuto con velocità, e ho concepito che cos’è una delusione E ho capito quello che i grandi chiamano l’amore vero,

soffrendo come un cane quando l’ho perso davvero.

Oh chissà se morirò, da giovane o da vecchio,

Sicuro in quel momento pregherò, codardo,

Ma non mi pentirei, se ho fatto quel che ho fatto,

E se arriva una giornata di sole, allunga il braccio e prendila.

La vita è un sogno e continuiamo a sognare.

La vita non si misura con gli anni,

ma da quello che hai vissuto sulla tua pelle:

Le batoste più dure e le vittorie più belle.

Sono nato in una di quelle famiglie

dove il debito non è una condizione necessaria,

ma un peccato grave;

Mio nonno diceva sempre:

“La notte è fatta per dormire!

Non per pensare all’usuraio che devi pagare

o alla donna che devi accontentare.”

Oh chissà se morirò, da giovane o da vecchio.

Sicuro in quel momento pregherò, ma adesso no,

adesso ti prenderei con tutte le mie forze,

ti smaglierei le calze, saziandoti le voglie.

Mi ricordo quando ero all’università,

e ho capito, forse troppo tardi, che c’è da imparare

più da un falegname che da un professore,

il primo ha fatto solo scale, non ha mai preso l’ascensore.

Oh chissà se morirà da solo o in compagnia,

sicuro in quel momento riderò con Dio

oppure chi per lui emana le sentenze

e se il destino ti mette alla prova,

tu nel dubbio accelera.

CREDITI

Testo e musica: Simone Perrone

Arrangiato da: Matteo “Bemolle” De Benedittis

Batteria: Roberto Fedele

Wurlitzer, chitarre acustiche: Matteo “Bemolle” De Benedittis

Chitarre elettriche: RafQu

Basso: Giuseppe “Pascone” Calabrese

Voci: Simone Perrone

Video di Hermes “HEM” Mangialardo

Registrato presso SudEst Studio (Guagnano), QUstudio (Cellino S. Marco) e La Villetta (Lecce)

Mixato da Marco Ancona presso La villetta

Masterizzato da Francesco Guadalupi presso OM STU DIO di S. Vito dei N. (Br)

SOCIAL

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS