Massimo Galli

Ci sono terapie e medicinali che stanno funzionando contro il Coronavirus? A rispondere in un’intervista al Corriere della Sera è stato Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive all’Università degli Studi di Milano e primario del reparto di Malattie infettive III dell’Ospedale Sacco.

Il primario ha sottolineato che, al momento, sia in Italia che in Cina “i pazienti vengono trattati per breve tempo con la combinazione lopinavir/ritonavir, antivirali inibitori della proteasi (enzima che spezza le lunghe molecole di proteine) utilizzati a lungo nella terapia dell’Aids. Al piano terapeutico può essere aggiunta la clorochina”.

Discreti risultati sembra li stia ottenendo anche un farmaco non ancora in commercio, il remdesivir, che contiene “una molecola in grado di bloccare la replicazione del virus, dando un segnale di ‘fine catena’”.

Detto che in tempi brevi partiranno quegli studi che dovranno dimostrare la reale efficacia di tutti gli antivirali che si stanno utilizzando per poi arrivare a un protocollo terapeutico condiviso, e detto che una terapia a base di cellule staminali “può essere interessante ma risulta inapplicabile oggi per il numero elevato di malati”, in alcuni ospedali lombardi e a Napoli i medici si stanno affidando al tocilizumab che, sostiene il Dottor Massimo, “almeno teoricamente può aiutare il paziente a uscire dalla fase più critica”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS