La Fca Italy è stata denunciata per frode in pubbliche forniture. Il sindacato Usb e Rete Iside, onlus che si occupa anche di sicurezza sul lavoro, hanno presentato questa mattina alla procura di Roma un esposto per omessi controlli nella fabbricazione di mascherine. A darne notizia è il quotidiano Il Manifesto.

L’azienda della famiglia Agnelli durante la pandemia da Coronavirus ha riconvertito alcune linee alla produzione di mascherine. Dall’estate scorsa alla Fca di Mirafiori e di Pratola Serra (Avellino) vengono prodotte circa 11 milioni di mascherine al giorno destinate alle scuole per garantire la sicurezza di studenti e docenti. In accordo con il commissario Arcuri, Fca ha presentato domanda ed ha ottenuto la validazione di 5 tipologie di mascherine (4 per adulti e 1 pediatrico) di tipo 2R. Fca Italy, come da Dpcm di marzo che a causa dell’emergenza ha ridotto le procedure burocratiche, ha inviato all’Istituto superiore di sanità «un’autocertificazione sotto propria responsabilità attestando le caratteristiche tecniche e dichiarando che rispettavano tutti i requisiti di sicurezza».
L’Usb aveva già denunciato come alcuni lotti risultassero maleodoranti e di difficile vestibilità. Adesso è emerso da analisi di laboratorio richieste sempre da Usb e Rete Iside che l’efficacia filtrante dei due lotti di mascherine prodotti da Fca Italy – uno pediatrico per le scuole distribuito nel mese di settembre 2020 ed uno per adulti fornito ai lavoratori Fca nel mese di novembre 2020 – non sarebbe a norma di legge. “I test sono stati effettuati il 15 gennaio esponendo ad aerosol batterico la faccia interna del campione con un flusso di aspirazione di 28,3 litri/minuto – spiega l’Usb – . L’analisi ha rilevato come queste non siano rispondenti ai requisiti di efficienza di filtrazione batterica (Bfe)”.

In particolare, le mascherine pediatriche avrebbero un potere filtrante del 83-86% (invece del 98% previsto dalla norma), mentre le mascherine per adulti del 89-90% (invece del 98% previsto dalla norma), come si legge nell’esposto. Oltre alla denuncia alla procura, il sindacato e la onlus hanno depositato l’esposto anche alla Corte dei conti per “verificare se dai fatti sia derivato un danno per l’erario e di individuarne i responsabili”. Si ipotizza il reato di frode pubblica.

“I fatti che denunciamo ci sembrano gravi anche perché riguardano minori – hanno commentato gli avvocati Carlo Guglielmi e Arturo Salerni che rappresentano Usb e Rete Iside – per questo chiediamo alla procura di verificarli in fretta e, in caso di conferma, di adottare i provvedimenti cautelari per evitare ulteriori conseguenze”. Durante un servizio della trasmissione televisiva Report di pochi giorni fa, gli operai stessi della Fca di Mirafiori hanno denunciato cattivi odori, reazioni allergiche e irritazioni durante la lavorazione delle mascherine.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
FCA frode pubblica Mascherine Onlus Iside Usb

ultimo aggiornamento: 26-01-2021


Città e stadi Euro 2020. Monaco di Baviera, Oktoberfest ma non solo

Olimpiadi Tokyo, l’Italia è salva: Cdm approva decreto legge sull’autonomia del Coni