Una tregua di dieci giorni, a ridosso del Natale, per consentire lo shopping e impedire il collasso dei consumi. È il piano che sta studiando il governo, qualora l’andamento della curva epidemiologica dovesse migliorare.

Dal 4 dicembre poi, con il nuovo Dpcm, dovrebbe esserci un’altra settimana di misure rigorose per cercare di portare entro il 10 dicembre tutte le Regioni sotto l’indice Rt 1. A quel punto, con il Natale alle porte, si potrà consentire almeno l’apertura dei negozi, magari anche con orari prolungati fino alle 22. Lo shopping natalizio da solo vale da 10 miliardi di consumi, che l’Italia non può permettersi di perdere. Non è escluso, inoltre, che nello stesso periodo possano riaprire anche bar e ristoranti, non solo per l’asporto, ma soltanto fino alle 18.
Il governo insomma proverà così a salvare il Natale, che in ogni caso non potrà essere come quelli precedenti. “Dobbiamo prepararci a feste più sobrie rispetto a quelle passate e ci auguriamo anche alle prossime – ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – . Non ci saranno veglioni, baci e abbracci. Lo pagheremmo a gennaio con più decessi”.

La linea sarà quella di consentire raduni familiari con un numero di partecipanti limitato. Il coprifuoco potrebbe essere esteso fino alle 24, per consentire il rientro a casa più tardi durante le feste. Mentre resta da definire il capitolo degli spostamenti da una regione all’altra: se tutta l’Italia diventasse zona gialla prima di Natale, il problema potrebbe essere superato.

 

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

TAG:
Dpcm Natale tregua

ultimo aggiornamento: 20-11-2020


Ryanair, a Orio al Serio tagliato il 60% dei voli

Emergenza Covid: al via per la prima volta i test di massa. L’obiettivo è sottoporre il 70% della popolazione della regione al tampone rapido