Abbiamo assistito a tanti gesti di solidarietà in questi mesi di lockdown. Non è mancato però chi si è approfittato della situazione di emergenza. Il rincaro dei prezzi ha accompagnato la fase due, ma il costo di alcuni beni è aumentato durante l’emergenza stessa.  

Alcuni dei negozi rimasti aperti perché rivenditori di beni essenziali hanno aumentato i prezzi durante il lockdown. Ai primi posti tra i prodotti con prezzo maggiorato troviamo il download di e-book, la frutta e i pc. Da febbraio, ovvero prima della chiusura delle scuole e dell’inizio del lockdown, a maggio il prezzo di questi prodotti è lievitato. E non poco.

Secondo l’Unione Nazionale Consumatori (Unc) scaricare un e-book costerebbe il 30,4% in più rispetto a tre mesi fa. Seguito dalla frutta fresca che ha subito rincaro del 12,8% e dai computer (portatili e fissi) e dai tablet con un aumento del 12%. I dati sono stati raccolti sulla base degli ultimi rilevamenti Istat sull’inflazione. Le informazioni sul mese di maggio sono ancora provvisorie, ma il quadro è già eloquente.

Qualcuno ha approfittato del tempo libero che ha portato molte persone a leggere e a scaricare libri. Come anche dello smart-working e delle lezioni a distanza che hanno costretto molte famiglie a dotarsi di computer, notebook o tablet. Il quarto posto spetta, infatti, ad apparecchi a supporto dei computer, come monitor e stampati con un prezzo maggiorato dell’11,3%.

Nella classifica dei dieci prodotti che hanno registrato un rincaro dei prezzi non ci sono solo beni materiali, ma anche frutta e verdura. Perfino i prezzi dei vegetali surgelati e delle patate sono aumentati durante il lockdown. Rispettivamente del 4,8% e del 4,4% in soli tre mesi.

In fondo alla classifica stilata dall’Unc troviamo poi la pasta e gli apparecchi per la cottura del cibo (come forni e piani cottura) con un +4,2%. Il decimo posto va invece alla farina con un +3,8%. “A fronte di un indice generale aumentato da febbraio a maggio solo dello 0,1%, c’è chi ha approfittato dei beni che gli italiani hanno dovuto prendere o acquistare maggiormente per via dell’emergenza Coronavirus” si legge nel comunicato dell’Unione consumatori.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nosta PAGINA OA PLUS

Crediti foto: LaPresse