In cinque mesi, a causa della pandemia, in Italia sono stati effettuati 1,4 milioni di screening per i tumori in meno rispetto al 2019. Un dato allarmante se si pensa che la prevenzione non può aspettare. Il tempismo, infatti, è quell’ingrediente che fa sì che la prevenzione resti tale e non diventi cura. Secondo l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) si potrebbe verificare un aumento dei decessi per tumore nel medio periodo, proprio a causa della scarsità dei controlli.

L’Associazione si sofferma sugli effetti “misurabili” del Covid-19 nella cura di tutti i tumori. Se i tumori vengono diagnosticati in fase più avanzata, infatti, sarà più difficile intervenire. Per fare qualche esempio, i tumori al seno scoperti quest’anno sono 2.099 in meno rispetto a quelli dell’anno scorso, quelli al colon 611 in meno. Come sottolinea il presidente di Aiom, Giordano Beretta, in questo modo in futuro ci sarà un minor spazio di intervento e saranno necessarie maggiori risorse per le cure.

Anche se l’incidenza della pandemia non è più quella di marzo e aprile, il sistema di prevenzione – fatto di controlli e screening – non è ancora ripreso a dovere. O almeno non ovunque. Così potremmo portarci dietro gli effetti della pandemia per anni, anche dopo la scoperta di un vaccino. Secondo il National Cancer Institute degli Stati Uniti, i decessi a causa di tumori potrebbero essere 10mila in più nei prossimi 10 anni. In Regno Unito le stime prevedono un aumento della mortalità del 16,6% nei prossimi 5 anni per tumori al colon-retto e del 9,6% per quelli al seno.

Tra gli ostacoli da superare, c’è poi anche quello della paura di recarsi in ospedale o negli ambulatori per le visite mediche. Anche se proprio l’ospedale è il luogo dove i protocolli anti-Covid sono maggiormente rispettati. Secondo Beretta, per compensare – in parte – i ritardi, è necessario aumentare i fondi destinati alla ricerca e alla prevenzione. Per questo una parte della somma che l’Italia percepirà con il Recovery Fund dovrebbe essere destinata all’oncologia e alla lotta ai tumori.

La questione di un’effettiva ripresa dei controlli sarà centrale al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (Esmo) che parte oggi online e durerà fino al 21. La pandemia rischia – infatti – di vanificare gli sforzi della ricerca e riportare indietro i livelli di mortalità. “Ubi maior, minor cessat” dicevano i latini, ma che si fa quando non ci sono minor ma solo maior?

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nosta PAGINA OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
Covid- 19 prevenzione screening tumori

ultimo aggiornamento: 19-09-2020


LA FABBRICA DEI SOGNI. PIER FRANCESCO FAVINO trionfa al Festival di Venezia!

Classifica Radio EarOne Airplay Dance, week 38: David Guetta e The Blessed Madonna, i dj che riportano ai vertici Sia e Dua Lipa