La giovane era sposata e mamma di una bambina di 4 anni

Agghiacciante episodio di violenza a San Paolo Bel Sito, nel napoletano.

Ylenia Lombardo, 33 anni, è stata uccisa e il suo cadavere semicarbonizzato è stato trovato mercoledì sera in un’abitazione del paese.

Immediatamente sono partite le indagini del carabinieri che poche ore fa hanno fatto sapere di aver fermato un 36enne. All’interno della sua abitazione i militari hanno trovato abiti sporchi di sangue.

Secondo la prima ricostruzione sembra che Ylenia, originaria di Pago di Vallo di Lauro e che aveva preso in affitto un’abitazione in via Ferdinando Scala, sia stata prima picchiata e poi data alle fiamme dalla cintola in su.

Sposata e con una bambina di 4 anni affidata alle cure dei nonni materni che vivono a Viterbo, la giovane era disoccupata e solo saltuariamente lavorava come badante.

Sembra che per direzionare le indagini siano state decisive le telecamere di videosorveglianza della zona oltre a testimonianze di alcuni cittadini residenti nella via dov’è stato commesso l’orrendo delitto.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto LaPresse/Filippo Rubin


Avviata la campagna di “depillonizzazione” per non far circolare i post omofobi di Simone Pillon sui social

Coronavirus, da lunedì nessuna “zona rossa”. Riapertura ristoranti al chiuso e palestre: pressing sul governo