I vicini svegliati alle 5.30 dalle urla della madre: “La porta sul retro era aperta!”

Secondo la polizia non ci sono dubbi: si tratta di omicidio.

Con i tre arresti, un uomo di 39 anni, una donna di 30 e una ragazzina di 13, potrebbe essersi risolto il drammatico giallo di un bambino di 5 anni trovato morto nel fiume Ogmore in Galles.

La vicenda è stata da subito poco chiara. I vicini di casa della famiglia del piccolo sono stati svegliati alle 5.30 dalle urla della madre che ha gridato: “La porta sul retro era aperta!”.

Il piccolo figlio di appena 5 anni in casa non c’era, ed è stato ritrovato nel fiume Ogmore, morto.

A quel punto è partita serrata l’indagine della polizia, che ha lavorato anche porta a porta, sentendo tutti i vicini e facendo appello affinché chi avesse informazioni “si metta in contatto con noi”.

Dopo diverse ore, quella che potrebbe essere la svolta: la polizia gallese ha infatti arrestato tre persone, un uomo di 39 anni anni, una donna di 30 e una ragazzina di 13. Sono tutti della zona di Bridgend e per tutti l’accusa è quella di omicidio.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Foto: archivio LaPresse

TAG:
Bridgend fiume Ogmore Galles omicidio

ultimo aggiornamento: 02-08-2021


Vite al limite chiude? Parlano alcuni pazienti: “Non ci hanno dato il giusto supporto psicologico e ci hanno creato un disagio emotivo importante”. Dottor Nowzaradan nei guai

Green Pass, dal 6 agosto le nuove regole per accedere a mezzi pubblici, ristoranti e scuola: ecco la road map del governo