Orrendo delitto a Chieti. Un ragazzo appena 15enne avrebbe aggredito il nonno 78enne, colpendolo con una sedia, con parti di un aspirapolvere e prendendolo a calci, e riducendolo in fin di vita.

L’uomo è spirato dopo un’agonia di giorni a causa dei traumi subiti nella brutale aggressione, aggressione che ha motivi di una futilità disarmante: a scatenare la furia omicida, infatti, sarebbe stato il rimprovero del nonno al nipote per l’eccessivo uso del cellulare.

Orrore nell’orrore, il nipote si sarebbe anche ripreso con il cellulare mentre picchiava il nonno per poi postare le immagini sul suo stato di WhatsApp. A chiedere aiuto alle forze dell’ordine e ai soccorritori del 118 ieri pomeriggio è stata la nonna del ragazzo che era stato affidato ai nonni materni a causa di una situazione familiare non facile ed era da tempo seguito dai servizi sociali dell’Ambito distrettuale sociale numero 13.

Quando i soccorsi sono arrivati, il nonno è stato portato in ambulanza all’ospedale di Chieti, ma l’uomo dopo giorni di agonia non ce l’ha fatto ed è deceduto. Ad indagare sono i Carabinieri Nor di Chieti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: archivio LaPresse

TAG:
Chieti nipote uccide nonno orrendo delitto

ultimo aggiornamento: 11-07-2022


Addio ad Angelo Guglielmi, storico direttore di Rai3

Covid, quarta dose per gli over 60: “Subito al via anche in Italia”