La violenza si consumava in un casolare dove l’uomo portava la piccola con l’inganno

E’ stato condannato a cinque anni e nove mesi di reclusione per aver usato violenza sessuale su una ragazzina di 12 anni.

Ha contorni torbidi la vicenda di Marsala chiusa con la condanna di un bidello 62enne.

L’uomo, per di più amico di famiglia, era accusato di  violenza sessuale su una ragazzina di 12 anni.

La giovane frequentava la scuola dove l’uomo lavorava. Il collaboratore scolastico avrebbe usato violenza sulla bambina in un vecchio casolare nelle campagne dell’entroterra tra Marsala e Mazara del Vallo, dove il bidello avrebbe condotto la giovane, figlia di “amici di famiglia”, con una scusa. La ragazzina era poi riuscita a fuggire.

La denuncia era stata presentata ai Carabinieri dai genitori della 12enne. Il bidello è stato anche condannato all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, con divieto di avvicinamento per due anni, dopo avere scontato la pena, ai luoghi frequentati da minorenni.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Attacco hacker dalla Russia a 50 siti istituzionali italiani

Neonato morto avvelenato in ospedale, arrestata infermiera