In un paesino del dipartimento del Puy-de-Dôme, al centro della Francia (che prende il nome dall’alto vulcano ivi situato) alcuni membri della Gendarmeria erano stati chiamati da una donna che si era dovuta rifugiare dal marito sul tetto.

Due agenti sono stati presi come bersaglio dal compagno della donna mentre cercavano di portarla in salvo giù dal tetto. Il brigadiere Mavel, di soli 21 anni, è stato colpito mortalmente. Il secondo è stato ferito a colpi d’arma da fuoco ma dopo averlo trasportato all’ospedale, sembra che non sia in pericolo di vita. Nella casa dell’uomo è stato trovato un “equipaggiamento militare straordinario” come ha commentato il procuratore della repubblica di Clermont-Ferrand, Eric Maillaud: una Glock e un fucile d’assalto AR-15 dotato di silenziatore, torcia e di un mirino laser.

Dopo aver atterrato i due primi gendarmi, ingiuriandoli con epiteti come:«catholique très pratiquant, voire extrémiste, et survivaliste» ha appiccato un incendio alla casa, ed è fuggito. Vedendolo scappare, altri due gendarmi sono stati uccisi a colpi di mitragliatrice mentre si avvicinavano per chiedere un riconoscimento.

Il cadavere dell’uomo è stato trovato poco dopo non lontano dall’eccidio. Né la Polizia né la Gendarmeria hanno voluto comunicare la causa della morte dell’omicida. Proprio il ministro dell’Interno Darmanin ha comunicato urbi et orbi via Twitter che era stato trovato morto, senza rilasciare altri dettagli. Il presidente Macron ha definito le forze dell’ordine che rischiano la vita “eroi”.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Immagine: Shutterstock.com

TAG:
Francia omicidio

ultimo aggiornamento: 24-12-2020


Star Wars, rivelata la nuova timeline ufficiale

Natale in rosso: da oggi scatta il lockdown nazionale fino al 27 dicembre. Ecco cosa si potrà fare e cosa no