Il terrorista tunisino della Cattedrale di Notre-Dame a Nizza era sbarcato a Lampedusa il 20 settembre ed era a Bari il 9 ottobre.

A confermare che Brahim Aoussaoui, 21enne, è arrivato in Italia assieme ad altri migranti sono state fonti degli apparati di sicurezza, secondo le quali proprio nell’isola è avvenuta la prima registrazione.

La data è quella del 20 settembre, mentre il 9 ottobre è la data in cui sarebbe stato trasferito in un centro per migranti a Bari, dopo la quarantena obbligatoria per tutti coloro che sbarcano.

Ora, naturalmente, sono al lavoro gli investigatori per cercare di ricostruire tutti gli spostamenti e gli itinerari toccati dal giovane immigrato prima di approdare a Nizza, dove questa mattina ha dato luogo alla strage della cattedrale, dove ha ucciso tre persone, di cui due decapitate, e causato diversi feriti.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostraPAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti: AP Photo/Daniel Cole

TAG:
Brahim Aoussaoui decapitati Notre Dame terrorismo

ultimo aggiornamento: 29-10-2020


Il DNA conferma, il teschio trovato nel bresciano è proprio della piccola Iushra Gazi

Coronavirus, bollettino di oggi 29 ottobre