Dopo una serie di interrogatori, potrebbe essere ad una svolta definitiva il caso del conflitto a fuoco nell’alessandrino dove trovarono la morte la brigatista Margherita “Mara” Cagol e l’appuntato dei carabinieri Giovanni D’Alfonso.

L’uomo delle Br che fuggì dopo aver sparato potrebbe avere prestissimo un nome e prendere dunque la via del carcere a ben mezzo secolo di distanza da quel giorno maledetto che vide il conflitto a fuoco tra Br e Carabinieri nel tentativo di liberare l’imprenditore Vittorio Vallarino Gancia, sequestrato il giorno prima in quello che è considerato il primo rapimento a scopo di autofinanziamento operato nella storia delle Br.

A far riaprire le indagini sono stati gli accertamenti del Ris di Parma e, prim’ancora, l’esposto del figlio dell’appuntato d’Alfonso.

Le indagini sono affidate ai carabinieri del ROS e coordinate dai magistrati del pool sul terrorismo della Procura di Torino e dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Morte Rossella Corazzin, secondo la ricostruzione di Angelo Izzo, fu opera di due gruppi: quello del massacro del Circeo e quello del mostro di Firenze; si riapre una finestra sui festini esoterici in villa

Centro commerciale di Assago, prende un coltello dall’espositore e colpisce a caso, un morto e quattro feriti, compreso un calciatore di serie A