Chiudere la scuola per fermare i contagi da Covid-19. O meglio, allungare le vacanze di Natale posticipandone la riapertura. La proposta arriva dall’ex direttore del reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli. Dunque, niente ritorno sui banchi il 7 o 10 gennaio. “Ci sarà da pensare eventualmente a una procrastinazione delle vacanze se le cose vanno male o malissimo – ha detto di Galli -. Non sto sollecitando un ritorno alla Dad, sto però suggerendo di pensare ad un possibile iato maggiore soprattutto per tutte le fasce non vaccinate e quelle non vaccinabili”. 

Le dichiarazioni di Galli hanno subito acceso la polemica, prima con i presidi delle scuole e oggi con il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha detto: L’allungamento delle vacanze natalizie è una misura sbagliata. La scuola è il comparto che con più prontezza ha risposto all’invito alla vaccinazione. C’è una risposta da dare al Covid che è, appunto, la vaccinazione. I positivi nelle scuole sono sotto allo 0,50%, le classi in quarantena sono 10 mila su 400 mila il problema è cosa avviene fuori dalla scuola”. Sulla stessa linea il presidente dell’Anp Lazio, Mario Rusconi. “Ancora una volta mi sembra che la scorciatoria sia di scaricare sulla scuola problemi molto più ampi – ha sottolineato -. Io penso che tutte le misure per contrastare il virus vadano pienamente organizzate all’esterno delle scuole perché all’interno tutte misure di sicurezza vengono rispettate. Non è dalla scuola che parte il contagio”.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
Massimo Galli Scuola vacanze di Natale

ultimo aggiornamento: 22-12-2021


Muore a 79 anni in una casa modesta, ma lascia un’eredità di oltre due milioni di euro al comune di Torino

LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. JAMES FRANCO rompe il silenzio dopo le accuse di abusi sessuali: “Ho avuto rapporti sessuali con le mie studentesse”