Nel denunciare la “tragedia” l’attivista ha dichiarato: “Bisogna fare di più per sconfiggere l’ineguaglianza mondiale nella lotta al Covid”

100 mila Euro per i Paesi poveri

Greta Thunberg, nel denunciare l’ineguaglianza della distribuzione dei vaccini, ha deciso di donare 100mila Euro al programma “Covax” per l’accesso globale alle dosi contro il Covid-19. L’attivista svedese ha chiesto alla Fondazione, che porta il suo nome, di procedere al trasferimento di denaro che sosterrà l’acquisto di siero destinato alle popolazioni più povere e agli operatori sanitari di alcuni Stati nel mondo.

“Circa una persona su quattro nei Paesi ad alto reddito hanno ricevuto il vaccino anti Covid. Soltanto uno su 500 nei Paesi poveri. La comunità internazionale deve fare di più per affrontare la tragedia che è la disuguaglianza dei vaccini. Abbiamo i mezzi a nostra disposizione per correggere il grande squilibrio che esiste oggi nel mondo nella lotta contro il Covid-19. Proprio come con la crisi climatica, dobbiamo prima aiutare i più vulnerabili. Covax offre il percorso migliore per garantire una vera equità del vaccino e una via d’uscita dalla pandemia” ha scritto Greta su Twitter.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 


Violenta minorenni usando la figlia della partner come esca e fingendosi psicoterapeuta: italiano arrestato, orrore a Santo Domingo

Coronavirus, si studia un “pass” per spostarsi tra regioni e partecipare agli eventi