Impatto elevato sull’occupazione dei posti letto in ospedale, la campagna vaccinale, la preoccupante situazione internazionale e la possibile sovrapposizione dell’influenza stagionale: ecco le preoccupazioni del Cts. I mondiali di sci (Cortina) a porte chiuse

Proroga dello stato d’emergenza

Il governo ragiona su una possibile proroga dello stato d’emergenza, che consente di agire in deroga su molti aspetti, fino a fine maggio. Non è da escludere, in ogni caso, che possa essere prolungato fino alla fine di luglio, come suggerito dal Comitato tecnico scientifico in vista del nuovo Dpcm che dovrà essere promulgato il 16 gennaio. Domani si riunirà, infatti, il Consiglio dei ministri che valuterà le nuove misure d’adottare per frenare la pandemia. Quattro sono gli elementi che consigliano il prolungamento dello stato d’emergenza: l’impatto ancora alto del virus sull’occupazione dei posti letto ospedalieri, la campagna vaccinale, la preoccupante situazione internazionale e la possibile sovrapposizione dell’influenza stagionale con il Covid.

Impianti sciistici 

Sempre in vista del prossimo Dpcm, si discute sulla riapertura degli impianti sciistici (al momento prevista per il 18 gennaio). Il Cts ha però espresso “grande preoccupazione” in merito, sottolineando tra l’altro che molte delle Regioni in cui si trovano gli impianti sono proprio quelle dove la pandemia sta colpendo più duramente. In quest’ottica, il Comitato ha comunque già disposto che i “Campionati Mondiali di sci alpino”, in programma a Cortina d’Ampezzo dal 7 al 21 febbraio, si svolgeranno a “porte chiuse”.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

 

 

 

TAG:
Coronavirus CTS Stato d'emergenza

ultimo aggiornamento: 12-01-2021


Il DAMS di Bologna compie 50 anni: ecco chi sono stati i laureati più noti

OA PLUS MUSIC AWARDS 2020. Quali sono i “Migliori Album Italiani” dell’anno? Vincono Colapesce Dimartino – ECCO LA TOP 10