testo canzone diodato
Grafica a cura di Juary Santini

Diodato con “Fai rumore” al Festival di Sanremo 2020: ecco il testo e gli autori della canzone

Dopo lo strepitoso successo del singolo Che vita meravigliosa, colonna sonora ​del film La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek, Diodato gareggerà a Sanremo 2020 con il brano intitolato “Fai Rumore“.

Per il cantautore di Aosta, all’anagrafe Antonio Diodato, questa sarà la terza partecipazione dopo il debutto fra le “Nuove Proposte” nel 2013 con il brano Babilonia e quella del 2018 in duetto con il trombettista Roy Paci con Adesso.

Il pezzo inedito che porta ala 70° edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, in onda su Raiuno dal 4 al 08 febbraio 2020, è stata scritta da lui in collaborazione con Edwyn Roberts; ex cantante di Amici e autore sempre più apprezzato. Scopriamo ora le parole di Fai rumore.

Sanremo 2020: ecco tutti i testi delle canzoni in gara

Parole e autori di “Fai rumore”: Diodato in gara a Sanremo 2020

  • Brano: Fai rumore
  • Interprete: Diodato
  • Autori testo e musica: A. Diodato – E. Roberts – A. Diodato

Sai che cosa penso,
Che non dovrei pensare,
Che se poi penso sono un animale
E se ti penso tu sei un’anima,
Ma forse è questo temporale
Che mi porta da te,
E lo so non dovrei farmi trovare
Senza un ombrello anche se
Ho capito che
Per quanto io fugga
Torno sempre a te
Che fai rumore qui,
E non lo so se mi fa bene,
Se il tuo rumore mi conviene,
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale
Tra me e te.
E me ne vado in giro senza parlare,
Senza un posto a cui arrivare,
Consumo le mie scarpe
E forse le mie scarpe
Sanno bene dove andare,
Che mi ritrovo negli stessi posti,
Proprio quei posti che dovevo evitare,
E faccio finta di non ricordare,
E faccio finta di dimenticare,
Ma capisco che,
Per quanto io fugga,
Torno sempre a te
Che fai rumore qui,
E non lo so se mi fa bene,
Se il tuo rumore mi conviene,
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale tra me e te.
Ma fai rumore sì,
Che non lo posso sopportare
Questo silenzio innaturale,
E non ne voglio fare a meno oramai
Di quel bellissimo rumore che fai.

Fonte: Tv Sorrisi e Canzoni

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteSanremo 2020. Nuove Proposte, ecco le 8 giovani promesse che sognano un domani alla Ramazzotti
Articolo successivoTV, Sanremo 2020. Levante: testo e autori della canzone “Tikibombom”
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".