La Slovenia non splende solo nella sua capitale, ma è un piccolo scrigno di meraviglie. Mare, montagna, arte e cultura che s’incontrano nel giro di qualche centinaio di chilometri, offrendo scenari unici nel loro genere. Oggi partiremo insieme per un tour “on the road” che condurrà, tappa dopo tappa, alla scoperta delle bellezze artistiche e paesaggistiche slovene

Tour “on the road”. Parte 1: Lubiana

In questo primo articolo vi porterò alla scoperta di Lubiana, la capitale della Slovenia. La posizione altamente strategica (centro del Paese) e l’ampia offerta delle strutture ricettive, rendono quest’ultima il “campo base” ideale del tour.

Informazioni generali

Lubiana fa parte di quel novero di capitali europee che, come capita spesso e ingiustamente, viene di gran lunga sottovalutata turisticamente parlando. Nonostante ciò sono pronto a garantirvi che, se deciderete di dedicarle un po’ del vostro tempo, sarà ben lieta di lasciarvi a bocca aperta e assolutamente soddisfatti della scelta fatta! Ho avuto modo di vivere e constatare l’enorme ospitalità che il popolo sloveno offre ai turisti, sempre disponibile e pronto ad aiutare in caso di necessità. La moneta ufficiale è l’Euro.

Quando andare

La città e più in generale la Slovenia, possono essere visitate in ogni periodo dell’anno, tenendo comunque in considerazione che nei mesi invernali il clima potrebbe essere particolarmente rigido. La primavera e l’autunno potrebbero regalare ai vostri occhi colori, scorci e riflessi incredibili del fiume Ljubljanica. Quest’ultimo poi attraversando la capitale, come capita spesso in molti altri comuni, separa la città vecchia dalla nuova.

Come raggiungere Lubiana

Aeroporto di Lubiana-Brnik. Stazione centrale dei treni. Automobile

Il mezzo più pratico e probabilmente rapido, per raggiungere Lubiana è l’automobile. Se viaggiate dal Centro o dal Sud Italia potreste valutare l’ipotesi di “volare” su una città del Nord vicina al confine, esempio voli Ryanair per Venezia, Treviso, Trieste o Verona noleggiando, successivamente e direttamente sul luogo, un auto con la quale raggiungere la capitale. Utilizzare direttamente l’aeroporto lubianese potrebbe risultare una soluzione non semplicissima, essendo infatti relativamente piccolo e non molto trafficato. Una volta vicini al confine dovrete munirvi, presso un’area di servizio, della vignetta slovena d’applicare al parabrezza della vostra auto, al fine di non incorrere nel rischio di multe. Infatti in Slovenia non esistono pedaggi autostradali. Il prezzo per la classe di veicoli 2A (auto, camper) si aggira intorno ai 15€/settimana. I parcheggi poi, molto economici e vicinissimi al centro cittadino, non mancano di certo.

Il mio viaggio

A piedi ci si dirige quindi verso il cuore della città, più precisamente in Stari Trg, la zona pedonale. La prima cosa da fare è proprio perdersi fra i vicoli di questa via lasciandosi incantare dagli edifici in stile barocco, i negozi e i vari bar decisamente accoglienti. Tra i monumenti, degni di nota, sono sicuramente da segnalare la cattedrale di San Nicola e la fontana dei fiumi Carniolani, ispirata a quella dei quattro fiumi di Piazza Navona a Roma. Spettacolare è anche la biblioteca, costruita tra il 1936 e il 1941, con le finestre degli ultimi piani che ricordano un libro aperto. Il mercato centrale, principale luogo di socializzazione e ritrovo, offre molte soluzioni di ristoro, con ampia possibilità di provare street food locale. Troverete pace e relax passeggiando o magari prendendo una bibita, in uno dei tanti locali sul lungofiume. Su quest’ultimo, se il tempo a disposizione ve lo permette, regalatevi una mini-crociera al fine di ottenere punti di vista e fotografici, diversi dal solito.

I ponti di Lubiana

Se una città è dunque attraversata da un fiume, quali sono le strutture che permettono di superarlo?! Esattamente! I ponti!

Vi pongo la domanda come pretesto per raccontarvi qualche aneddoto cittadino.

Il ponte dei draghi, il più noto turisticamente parlando, con i suoi quattro dragoni verdi a guardia ha una forte valenza simbolica da queste parti. La leggenda vuole infatti che Giasone, eroe mitologico dell’antica Grecia noto per il furto del vello d’oro, navigando insieme agli argonauti lungo i fiumi Danubio, Sava e Ljubljanica, poco prima di raggiungere il mare si sia imbattuto in un lago circondato da una palude. Quest’ultima ospitava un mostro, il drago del Ljubljanica, che venne sconfitto abilmente dall’eroe. Proprio da quel momento nacque Lubiana e il drago ne divenne il simbolo, presente sia sullo stemma che sulla bandiera.

Ma voi ricordatevi…non svegliate drago che dorme!

https://www.instagram.com/p/Buhie-pnll8/

Molto particolare risulta Il Triplice Ponte (Tromostovje). In passato era un comunissimo ponte in pietra ad arcata singola, al quale vennero poi aggiunti due ponti pedonali, leggermente più stretti di quello centrale, a inizio ‘900. Attualmente funge d’accesso alla città vecchia collegando Prešernov Trg, la piazza principale e il centro storico. Totalmente pedonalizzato è punto di ritrovo per artisti di strada.

Quartiere Metelkova e Castello medioevale

Se siete amanti della “street art” non potete perdervi assolutamente il quartiere Metelkova, che molti paragonano alla Christiania danese. Galleria a cielo aperto e paradiso della libertà di espressione. Oggi il quartiere ospita un sacco di iniziative come festival di musica e spettacoli teatrali, oltre a vantare numerosi murales che addobbano i palazzi ottocenteschi. Se state cercando qualcosa di pittoresco e particolare potrebbe fare al caso vostro!

Il castello medioevale invece domina fiero, dall’alto della collina su cui erge, la città. Conserva l’impronta originale ma è stato in parte ridisegnato dall’architetto Jože Plečnik, che lo ha adattato ai suoi gusti personali. Oggi è di proprietà del comune, che ne fa spesso la location per eventi culturali. Può essere raggiunto a piedi o con funicolare e offre una bella panoramica su tutta la città sottostante.

Se palazzi e città vi hanno stancato, dirigetevi verso il parco Tivoli, splendido polmone verde cittadino che ospita spesso mostre fotografiche all’aperto.

Lubiana è una città a misura d’uomo; esplorarla e passeggiare senza meta o guida, potrebbe essere la soluzione migliore per scoprirla fino in fondo. Vi sono ostelli e alberghi in abbondanza, da quelli in pieno centro fino ai più economici in periferia. Assaporate la Slovenia anche nel cibo e vedrete come questa cucina niente invidia alle ben più blasonate. Cercate qualche gostilna (equivalente delle nostre trattorie) per trovare e provare, la bontà di un piatto fatto con i prodotti tipici del luogo.

È arrivato il momento di salire nuovamente in auto e viaggiare in direzione di Kamnik, la seconda tappa di questo tour “on the road”.

Potete seguire i miei viaggi anche sui canali social:

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

 


TV, Canale5. A Live-Non è la D’Urso Heather Parisi ammette: “Io, vittima di violenza domestica”

Musica Italiana, News. Sanremo Giovani: Simona Severini prende il posto di Devil A che ha scelto Amici 19