Coprifuoco in tutta Italia dalle 21, bar e ristoranti chiusi anche a pranzo nelle aree a maggior contagio, didattica a distanza (Dad) anche in seconda media e obbligo di mascherina per le lezioni in presenza di elementari e prima media. Sono queste le misure anti Covid al vaglio in queste ore di governo e Regioni, impegnati a risolvere diverse questioni ancora aperte. E’ possibile, infatti, a quanto si apprende da fonti della maggioranza, che slitti a domani 3 novembre la firma del nuovo Dpcm: il premier Giuseppe Conte oggi sarà impegnato in comunicazioni alla Camera e al Senato, durante le quali illustrerà al Parlamento l’orientamento che intende dare al nuovo decreto su cui sta lavorando in questi giorni.

Tra i punti su cui si sta ancora discutendo tra sabato e ieri c’è anche quello di arrivare ad un compromesso sul coprifuoco: non più alle 18 nelle cosiddette ‘zone rosse’ ma l’idea, su cui il governo sta ragionando, è quella di estenderlo alle 21 per tutta Italia, con la chiusura di tutte le attività commerciali, salvo farmacie, parafarmacie e alimentari. Anche se il Cts, a quanto si apprende, non sarebbe d’accordo preferendo invece le 18 per tutto il Paese.

Conte sarebbe d’accordo con le Regioni sulla richiesta di misure più restrittive ma, a differenza di quanto vogliono i governatori, sarebbe orientato a modularle in base alla diffusione territoriale del Coronavirus, più che a varare provvedimenti di carattere nazionale. Fra le restrizioni sul tavolo della riunione in corso a palazzo Chigi tra il premier e le forze che sostengono il governo c’ è il divieto di spostamenti fra le Regioni, fatto salvo che per ragioni di lavoro, ed anche la chiusura dei centri commerciali nei weekend.

Al vaglio anche la chiusura di bar e ristoranti anche a pranzo nelle regioni con tasso di contagi a rischio. Le zone critiche sono Lombardia, Piemonte e Calabria. Sempre nelle aree a rischio, si prevede la chiusura anche dei musei e stop ai distributori automatici. E ancora, utilizzo dello smart working nella Pubblica amministrazione, salvo i servizi pubblici essenziali.

Per quanto riguarda la scuola, sempre nelle aree più a rischio, si starebbe pensando a estendere la didattica a distanza anche alla seconda e terza media, con obbligo di mascherina sempre per le lezioni in presenza, cioè alle elementari e in prima media.

Proseguirà, intanto, in mattinata alle 9 il confronto tra governo e Regioni, Comuni e Province sulle misure del prossimo Dpcm anti Covid. Le Regioni, in particolare, avrebbero chiesto misure uniformi per tutta Italia. “In queste 48 ore – avrebbe detto durante la riunione il ministro della Salute, Roberto Speranzacostruiamo insieme il Dpcm su due orizzonti: misure nazionali e misure territoriali. Sul primo punto è vigente l’ultimo Dpcm, possiamo anche alzare l’asticella nazionale su alcuni punti condivisi e su alcuni territori alziamo i livelli di intervento”.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
coprifuoco Dpcm

ultimo aggiornamento: 02-11-2020


Addio a Gigi Proietti, il grande attore italiano ci ha lasciato nel giorno del suo ottantesimo compleanno

Talk2u. Gabriella Sassone a ruota libera sul GFVip5: “Guenda ha pagato per avere attaccato Enoch, l’intoccabile della casa. Maria Teresa invidiosa della figlia, sarebbe dovuta uscire lei” VIDEO