Giuliano Margherita, 14 anni, era stato abbandonato alla nascita in un cassonetto della spazzatura

A dare la triste notizia il sindaco di Marcianise (in provincia di Caserta), Antonello Velardi: “Se ne è il nostro Giuliano. È spirato all’ospedale Santobono a Napoli, dove era ricoverato e dove era stato operato“. Giuliano Margherita, 14 anni era sordo e non vedente ed aveva problemi respiratori ed era stato abbandonato alla nascita in un cassonetto della spazzatura a Marcianise.

Al bambino era stato dato un nome e cognome derivante dai nomi delle due persone che lo avevano trovato: Giuliano e Margherita. Inizialmente Giuliano era stato portato in un centro di accoglienza, poi era stato adottato da una famiglia che lo prese con sé, ma purtroppo, la famiglia adottiva per motivi che non si conoscono, lo riportò al centro di accoglienza. Una storia triste, che commosse un’intera comunità, tanto che Giuliano su soprannominato ‘il bambino di tutti‘.

Dei genitori non si seppe mai nulla e così il sindaco della città dove è stato rinvenuto il bambino, ne esercitò la patria potestà avendo l’obbligo di accudirlo. Purtroppo la salute di Giuliano era gravemente compromessa dalle patologie ed è morto stamane all’ospedale Santobono di Napoli, nel reparto di rianimazione pediatrica, dopo un delicato intervento chirurgico.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

foto archivio Shutterstock


Guerra in Ucraina, circa 300 le vittime dell’attacco russo al teatro di Mariupol

The Band, dopo i tre giudici, svelati i nomi dei tutor del nuovo varietà musicale di Carlo Conti. Le candidature per partecipare si chiudono entro le 24 di oggi