Silvia Cecchetti si risveglia da un amore tossico - OA Plus

Torna con un brano inedito Silvia Cecchetti, la cantante lanciata da Pippo Baudo in un Sanremo anni ’90

“Notte Chiara” è il singolo di Silvia Cecchetti, cantante lanciata da Pippo Baudo al Festival di Sanremo 1994. Il brano esce per Edizioni e Produzioni di Beppe Carletti dei Nomadi ed è disponibile in digital download. Ospite musicale: il cantautore salentino Gianluca De Rubertis, che ha curato l’arrangiamento e suonato sinth e basso elettrico.

La Cecchetti ritorna così a parlare alla stampa, dopo anni di silenzio: «Il bisogno di amare e di essere amati dovrebbe essere la cosa più naturale poiché accompagna il genere umano dalla nascita, invece, a volte, è così grande da farci perdere il contatto con la realtà, confondendo i confini tra emozioni e sentimenti.

Soddisfare la nostra mancanza prende il sopravvento facendoci vivere nell’illusione di un film scritto da noi stessi e cancellando dalla vista la persona che abbiamo di fronte. Il naturale desiderio di stare con l’altro si trasforma nella paura costante di perderlo e la sofferenza pare l’unico filo conduttore di una relazione.

“Notte Chiara” è una canzone sì d’amore, ma di un amore cosi tossico da sembrare un’allucinazione. Per la voglia di raccontarmi e di condividere un momento di vita vissuta sono nati i contrasti tra il testo di una donna innamorata e la musica di chi è “incastrato nella ruota del criceto”».

TESTO | NOTTE CHIARA

Sogno di volare
di respirare
in fondo al mare
Sogno fiori giganti
arcobaleni
senza dormire
basta restare
accanto a te
Vedo le sfumature
dell’infinito
di questo volo
Dammi solo un momento
senza paura
noi due ancora
sempre vicini
noi due così
Ti guardo,
ti sistemo i capelli
ti tengo la mano
ti difendo dal mondo
Riposa amore mio
aspetterò come ogni giorno
con un sorriso
il tuo risveglio

SILVIA CECCHETTI - Notte Chiara
Cover Singolo “Notte Chiara”

BIOGRAFIA | SILVIA CECCHETTI

Silvia Cecchetti si è diplomata al primo corso del CET (Centro Europeo di Toscolano fondato da Mogol) come interprete della canzone leggera.

Nel ’94 ha partecipato a Sanremo, categoria Giovani, arrivando in finale con il brano Il mondo dove va e, nello stesso anno, ha preso parte agli spettacoli televisivi Viva NapoliFestival Italiano e pubblicato un CD Silvia Cecchetti prodotto da Lavezzi-Mogol.

Dopo una Tournée italiana, americana e canadese con Andrea Bocelli e Toto Cutugno ha collaborato a Los Angeles con il produttore Michael Masser.

Negli anni successivi si è dedicata alla storia della canzone del ’900 con l’Opera Quintet, un quintetto formato da Maestri d’eccezione prime parti dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Ha registrato in seguito un disco di brani italiani d’autore in una veste inedita Jazz uscito nel 2009 Tempi diversi edito da Edel Music.

Da aprile 2010 ha sperimentato nuove emissioni della voce con un’equipe di medici francesi e l’associazione Human Voice collaborando al libro La voce dei 5 sensi edito da Carish, dove sono raccolti i sorprendenti risultati di una comunicazione in grado di stimolare profondamente le aree cerebrali.

Nel 2013 ha scritto il brano Il dopo te in collaborazione con Luca Angelosanti e Francesco Morettini che ha portato al Festival della canzone italiana a New York in onda su RAI International arrivando seconda e nel 2014, sempre al Festival della Canzone Italiana a New York, ha vinto il primo premio con un altro suo brano L’amore può. Nel 2015 duetta con Tony Dallara nell’inedito “Mille volte ancora”.

Nel 2018 ha fondato l’associazione musicale e culturale VivilatuaVoce – centro di eccellenza musicale e di comunicazione – dove insegna canto e organizza master di studio per cantanti, autori, compositori, fonici e grafici grazie alla collaborazioni di grandi professionisti del settore con lo scopo di aiutare i giovani a specializzarsi nella musica pop e creare nuovi team di lavoro e nuova musica.

CREDITI | NOTTE CHIARA

Autore: Silvia Cecchetti
Edizioni e produzioni: I Nomadi
Arrangiamento: Gianluca De Rubertis
Sinth e basso elettrico: Gianluca De Rubertis
Batteria: Lino Gitto
Ingegnere del suon: Simone Coen
Sudio: Riverplant music studio
Mix e Master: Icaro Tealdi

Video:
Produzione Forty-one MovieCreator
Riprese: Alessio Fantinato, Matteo Turconi
Editing: Alessio Fantinato
Make up: Nicole Ziliani

Copertina:
Foto: Francesco Prandoni
Grafica: Giuseppe Spada
Make up: Elisabetta Sicuro
Jewellery: Michal Negrin Italia

https://www.instagram.com/p/B0d6bLTAEnE/?utm_source=ig_web_copy_link

Clicca qui per mettere “Mi piace” al mio BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


TV, Musica. Rai1. Michele Monina attacca Amadeus: “È un sessista pentito”

Renato Fiacchini, moderno Erasmo da Rotterdam, canta “Zero il folle”