La misteriosa morte di Alina, apparentemente nessun segno di violenza, ma la donna veniva minacciata da tempo

Ieri la polizia giudiziaria di Trieste ha suonato alla porta di Alina Trush, 43enne originaria dell’est, per notificarle un atto giudiziario riguardante le minacce e le violenze subite dall’ex compagno. La donna li stava aspettando, tuttavia, nessuno ha aperto loro la porta, così sono stati allertati i vigili del fuoco. Al loro ingresso nella casa, la tragica sorpresa: Alina era a terra, morta.

Sul corpo della donna non ci sono evidenti segni di violenza e questo non spiega il sangue trovato a terra in diversi punti dell’appartamento. Tutte le ipotesi sono aperte, ma quelle che si fanno più incalzanti sono l’omicidio o l’overdose. Nei giorni scorsi la polizia era intervenuta per sedare una lite dove Alina era coinvolta.

Un periodo di violenze aveva turbato la vita della donna, tanto che un vicino aveva minacciato di chiamare la polizia. Stando ai racconti del vicino, ci sarebbe un altro uomo oltre all’ex compagno, che la minacciava. Minacce di morte, urla e minacce anche ai vicini di casa, avevano turbato la quiete del condominio.

Sul muretto appena fuori dall’entrata del condominio appare una scritta in rosso: “Alina” e poi alcuni messaggi affettuosi scritti in lingua slava.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: screenshot da video YouTube

TAG:
Alina Trush omicidio suicidio Trieste

ultimo aggiornamento: 02-12-2021


Uccide l’amica incinta a mattonate, le taglia la pancia e le ruba il feto: la neonata miracolosamente si salva

Vaccino Covid, lo studio dell’Aifa: “Su 3000 bambini, livelli di efficacia intorno al 91%: per ora nessuna miocardite”