È partita il 10 gennaio “Lombardia 2021 – per una regione arcobaleno”, la campagna di raccolta firme per promuovere il progetto di legge regionale contro le discriminazioni omolesbobitransfobiche in Lombardia.

La campagna è promossa da: Coming-Aut LGBTI+ Community Center, Arcigay Varese, Arcigay Orlando Brescia, Bergamo Pride, Universigay – Associazione LGBTI+ UNIPV, ALA Milano Onlus, Agedo Milano, Gaylib, CIG Arcigay Milano, I Sentinelli di Milano, GayStatale Milano, Da’ voce al rispetto, Renzo e Lucio.

COSA PREVEDE LA LEGGE E DA DOVE NASCE

L’iniziativa vuole sollecitare con urgenza la discussione del pdl “Iolanda Nanni” – depositato in Consiglio regionale della Lombardia a prima firma del consigliere Simone Verni nel dicembre 2019 – che costruisce tutele, garanzie e percorsi di inclusione per le persone lesbiche, gay, bisessuali, trans+ del territorio.

Il pdl è il punto di partenza di una discussione che in Regione Lombardia si attende da decenni, quella sul drammatico fenomeno dell’omolesbobitransfobia e sulle soluzioni da mettere urgentemente in atto per contrastarlo.

LE DICIHIARAZIONI DELL’ASSOCIAZIONE COMING-AUT DI PAVIA

Davide Podavini, presidente di Coming-Aut LGBTI+ Community Center di Pavia, dichiara: “Un percorso iniziato a Pavia nel 2013 quando, intorno alle necessità e alle istanze della comunità del territorio, si sono aggregate tante realtà ed energie. Il pdl Nanni, da oltre un anno, giace in Consiglio regionale: non vogliamo più aspettare, chiediamo che venga urgentemente calendarizzato. Oggi, insieme a Coming-Aut, ci sono tantissime realtà di tutta la regione, associazioni, comitati, collettivi, da Milano a Brescia, da Bergamo a Varese a Lecco. Tutt* insieme chiediamo che il Consiglio regionale discuta, finalmente, del contrasto alle discriminazioni omolesbobitransfobiche.

Il presidente dell’associazione pavese ha voluto anche ricordare come la pandemia abbia stravolto e avuto forti conseguenze sulle persone LGBTI+. Si augura che il 2021 possa essere l’anno della ripartenza, per una Regione Lombardia con una visione aperta e plurale, in grado promuovere l’autodeterminazione di tutte e tutti.

Sempre della campagna ne ha parlato anche Giuseppe Polizzi, anche lui membro di Coming-Aut, nel programma Sui Generis su Radio Popolare. Polizzi ha dichiarato “Chiediamo che si parta da questo testo per migliorarlo anche per aprire un dibattito in contropiede. La chiediamo rispetto ad una politica di Regione Lombardia, che negli ultimi anni ha parlato dei nostri temi solo per disprezzarli”. Nell’intervista ha ricordato gli attacchi della Regione alla comunità LGBTI*, come il telefono anti-gender e la scritta “Family Day sul Pirellone nel 2016.

Per firmare la petizione presente all’interno della piattaforma All Out, associazione internazionale che promuove la lotta per i diritti LGBTI+ nel mondo, potete cliccare qui.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Arcigay Pavia LGBT regione lombardia

ultimo aggiornamento: 14-01-2021


Ruotolo, confermato l’ergastolo, uccise lui Trifone e Teresa. “Sono l’amante di Trifone, sei una cornuta”, emergono i messaggi anonimi che inviava alla siciliana

Liraz: “Zan” e il potere delle arti. Un disco per riflettere