Maria Elena Barile Damiani, barese, è la protagonista di una vicenda che sa dell’incredibile perché si è conclusa con un lieto fine inaspettato. Alla 56enne, affetta da sclerosi multipla, era stata rubata la Fiat Doblò che era stata parcheggiata di fronte all’Ospedale di Venere della città capoluogo di regione pugliese. 

Trovatasi di fronte all’accaduto la donna, in preda alla disperazione, visto che per lei l’auto rappresenta l’unico mezzo utile ai suoi spostamenti data la disabilità di cui è affetta, ha fatto in modo di poter ritrovare a tutti i costi l’autovettura. Ci ha pensato così la figlia con un post su Facebook ad implorare i ladri di restituire la macchina alla mamma.

A dimostrazione di quanto siano potenti i social, l’accorato appello, è riuscito ad arrivare agli occhi dei malfattori i quali, non solo hanno riportato la macchina al destinatario, ma si sono anche scusati per quanto commesso poichè ignari della patologia di cui soffre la donna.

Con un bigliettino scritto a mano l’autovettura è tornata a Maria Elena che ha trovato così sul cruscotto una lettera di scuse molto commovente: “Anche noi abbiamo un cuore, scusateci, non sapevamo della vostra patologia….scusateci ancora. I ladri”.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fanpage.it (@fanpage.it)

 

 

Crediti Foto: fanpage.it/instagram

TAG:
autovettura Bari biglietto di scuse ladri Maria Elena Barile Damiani

ultimo aggiornamento: 18-01-2021


Giuseppe Tornatore firma 4 spot a favore della campagna vaccinale contro il Covid (VIDEO)

Ritrovata cadavere, era scomparsa sabato scorso per una passeggiata, la tragica fine di Giovanna