Dopo lunghe trattative e corteggiamenti da parte di molte emittenti televisive e steaming, il regista e autore di Knives Out, Rian Johnson, ha firmato un contratto con Netflix per non uno, bensì due film!

L’unico attore confermato dal cast precedente è Daniel Craig (che conosciamo anche per la saga di James Bond), nei panni del detective protagonista.

Dopo il via libera di Lionsgate, Netflix si è assicurata l’uscita esclusiva dei film sulla piattaforma, pagando 450 milioni di dollari per le prossime opere di Johnson, che con il primo film Knives Out (2019) ottenne un incredibile successo globale e diverse nominations ai Golden Globes, compresa quella dell’attrice cubana Ana De Armas, che vedremo presto nel prossimo James Bond.

A parte la presenza di Daniel Craig, il cast dei prossimi due film non è ancora stato svelato, ma sappiamo che si tratterà di grandi star, per mantenere sempre altissimo il livello del primo film, in cui brillarono artisti del calibro di Jamie Lee Curtis (Un pesce di nome Wanda), Christopher Plummer, Chris Evans, Don Johnson (Miami Vice), Toni Collette e molte altre stelle di Hollywood.

Perché Netflix ha lottato con tutte le forze (soprattutto economiche) per ottenere l’esclusiva di questo progetto? Knives Out fu un successo sorprendente al botteghino, guadagnando 311,4 milioni di dollari rispetto al budget per realizzarlo: 40 milioni. Non solo, ma fu anche un grande successo di critica e pubblico.

Knives Out approderà quindi dalle sale cinematografiche allo streaming, per la gioia di tutti i fans che, pandemia oppure no (sale aperte oppure chiuse), si potranno godere le nuove avventure del detective Blanc/ Craig e le sue geniali intuizioni in nuovi appassionanti casi da risolvere.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: IG Knives Out

 

TAG:
Knives Out Netflix

ultimo aggiornamento: 05-04-2021


Mozambico: L’Isis alla conquista dell’estrattore di gas Total

L’arena di Verona riaprirà con il doppio degli spettatori dell’anno scorso: definito il protocollo