In una lunga e toccante intervista rilasciata al mensile ‘GQ’, Brad Pitt si è aperto sui suoi problemi legati alle dipendenze ed al senso di solitudine profonda che lo affligge da sempre e che non è mai andato via.

Inoltre ha rivelato di soffrire di prosopagnosia, cioè l’incapacità di riconoscere i volti delle persone: “Nessuno mi crede, voglio conoscere un altro che ne soffre”.

Di questa sua patologia ne aveva già parlato in una intervista del 2013 e in un’altra su ‘Esquire’ del 2020. Oggi ne parla in modo diretto nell’ambito di una intervista per ‘GQ’, spiegando cosa comporti soffrirne e soprattutto non essere preso sul serio da chi lo circonda. Si tratta di un deficit cognitivo-percettivo, che rende chi ne è affetto incapace di riconoscere i volti familiari, arrivando addirittura a non riconoscere il proprio volto allo specchio o in una foto.

In Italia se ne era parlato per via di Luciano De Crescenzo, che aveva dichiarato di soffrire di prosopagnosia, a causa della quale aveva cominciato a ridurre le sue apparizioni pubbliche.

Brad Pitt ha anche parlato della sua lotta contro le dipendenze da alcol e da nicotina:

“Non ho la capacità di fumarne solo una o due al giorno. Non fa parte del mio modo di essere. Per me o tutto o niente. Mi butto a capofitto nelle cose. Ho perso i miei privilegi”.

Riguardo alla dipendenza dall’alcol, è riuscito ad affrontarla grazie ad un duro lavoro su sé stesso, trascorrendo un anno e mezzo agli Alcolismi Anonimi:

“Avevo un gruppo maschile molto bello lì, molto riservato e selettivo, quindi era un ambiente sicuro perché avevo sentito esperienze di altre persone, come Philip Seymour Hoffman, che erano state registrate mentre vuotavano il sacco, e questo per me è semplicemente atroce”.

Riguardo al senso profondo di solitudine di cui soffre da sempre, ha aggiunto:

“Mi sono sempre sentito molto solo nella mia vita, solo quando ero bambino, solo anche qui fuori, è soltanto di recente che mi sono avvicinato maggiormente ai miei amici e alla mia famiglia. Qual è quella frase… potrebbe essere di Rilke o di Einstein, che ci crediate o no, ma era qualcosa che parlava di quando si riesce a camminare con il paradosso, quando si porta con sé contemporaneamente il vero dolore e la vera gioia, questa è la maturità, questa è la crescita”.

Crediti Foto: LaPresse

Segui OA Plus Viaggi su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

TAG:
Brad Pitt prosopagnosia

ultimo aggiornamento: 30-06-2022


Verona, porta la figlia in piscina e lascia il cane in macchina sotto il sole cocente ad aspettare, agonizzante muore tra le braccia di un poliziotto

LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Il ritorno di Cameron Diaz: torna sul set dopo otto anni!