Arriva direttamente da Los Angeles una tristissima notizia per il mondo della musica e non solo; Bill Withers, leggenda del soul, è infatti scomparso il 30 marzo 2020 all’età di 81 anni a causa di alcune complicanze cardiache.

[sc name=”video-irc” ]

L’artista afroamericano, che in carriera ha collezionato la bellezza di tre Grammy Awards, è passata di diritto nella storia grazie a capolavori come la malinconica “Ain’t No Sunshine“, l’immortale “Lean on me” e banger assoluti del calibro di “Just the two of us“, donando comunque altre perle poco conosciute incastonate nella sua discografia di soli otto album, ascoltare “Another day to run” (“Still Bill“, 1972), “Railroad man“(“Justments“, 1974) o “Tender Things” (“Menagerie“, 1977) per credere.

https://www.youtube.com/watch?v=zYGnhNFl3Ys

Ma non solo. Le sue note, in voga a partire dagli anni Settanta, hanno influenzato tutti i maggiori esponenti della musica black internazionale, nessun escluso. Dal coevo Stevie Wonder al King del pop Michael Jackson passando per D’Angelo, Marvin Gaye e per la nostra Giorgia, celebre ambasciatore del soul italiano.

BILL WITHERS: LA NOSTRA PLAYLIST

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Kandace Springs omaggia le sue muse nell’ultimo album

Levante cancella le date del tour Europeo di “Magmamemoria”