Ancora ignoto il movente del gesto

I carabinieri sono stati allertati dai vicini di casa, che hanno sentito grida e trambusto provenire dall’appartamento dove ieri sera alle 22, il 19enne Alessandro Asoli, ha avvelenato la madre ed il patrigno.

L’uomo di 57 anni è morto, mentre la donna, 56 anni, si trova ora in ospedale in gravissime condizioni. Il dramma è avvenuto al terzo piano di una palazzina di via della Costituzione, a Ceretolo, frazione di Casalecchio di Reno (BO).

I carabinieri hanno trovato in cucina un bicchiere con una sostanza che sarà analizzata dalla Scientifica dell’Arma. Il veleno è stato occultato nelle pennette al salmone che il 19enne ha preparato per la madre ed il suo compagno. La madre si è salvata perché non ha terminato il piatto.

Ancora non si conoscono i motivi del gesto. Il ragazzo è apparso in stato confusionale ai militari, che lo hanno rintracciato a casa dei nonni paterni, a Borgo Panigale, Bologna.

Alla fine dell’interrogatorio il 19enne è stato fermato per omicidio aggravato.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA

Crediti Foto: LaPresse

TAG:
Alessandro Asoli avvelena Casalecchio di Reno Ceretolo omicidio

ultimo aggiornamento: 16-04-2021


Copia hi tech del David lascia Firenze verso l’Expo 2021

Fabrizio Corona torna ai domiciliari. L’avvocato Chiesa: “Hanno riconosciuto di avere commesso un errore. Lotteremo affinché ciò che è accaduto non venga dimenticato”