Camionisti in Trattoria, è addio con Chef Rubio! - OA Plus

Gabriele Rubini, alias Chef Rubio, è uno dei personaggi più discussi della tv. Al di là dei contenuti delle sue trasmissioni, ricorderete sicuramente la polemica che, tempo fa, l’ha  visto protagonista a causa della sparatoria di Trieste, dove non se l’è mandate a dire a mezzo social con Rita Dalla Chiesa e Matteo Salvini, oppure il diverbio avuto con Massimo Giletti.

Chef Rubio ha trovato il suo successo con il format Unti e Bisunti, condotto dal 2013 al 2015 su DMAX, ma è con Camionisti in Trattoria, sempre su DMAX, che ha ottenuto la sua consacrazione, più che come Chef, come polemico “compagno di avventure”.

Rubio, con i suoi modi rudi, è uno alla “o si odia o si ama”, niente vie di mezzo per lui.  E’ uno che divide le folle, che di certo, non passa inosservato, cosa essenziale nel panorama televisivo. E’ un personaggio che riempie bene lo spazio di un momento di svago.

Ma, prima dell’inizio della quarta stagione, ecco cadere una bella tegola in testa ai fan del programma: Chef Rubio non ci sarà, perché licenziato dalla casa di produzione Discovery Communications. E’ il critico e blogger Dominique Antognoni a darne notizia:

L’aspirante cuoco, aspirante opinion leader, mancato cuoco e mancato opinion leader, è stato amorevolmente accompagnato alla porta da Discovery Channel. So anche il nome del sostituto, però una notizia buona alla volta. Oggi godiamoci questa. Cin cin. Comunque al suo posto ci va un vero e proprio chef.

Un post abbastanza duro, a cui, ovviamente, lo stesso Rubio, non ha potuto che replicare a suo solito modo:

“I motivi per cui ho deciso di interrompere Camionisti in Trattoria sono molteplici e non starò qui a motivarli, visto che di certe cose si parla (e si è già parlato) nelle apposite sedi. Di certo, posso dirvi che è stata l’unica cosa giusta da fare. E per correttezza nei vostri confronti che sempre mi sostenete con fiducia, e per coerenza nei confronti del percorso professionale e di vita che sto facendo. Vi basti sapere però che non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare a girare qualcosa in cui sentivo di aver già dato tutto. Continuare a girare per gli ascolti non è mai stata e mai sarà una mia peculiarità e farlo per inerzia mi avrebbe reso infelice e ancora più nervoso di quanto già non fossi alla fine della terza stagione”.

“La cosa sarebbe ricaduta sia sul prodotto che sulla mia incredibile troupe. Loro meritano solo il massimo e io quel massimo non avrei più potuto garantirlo. A loro devo tanto e per loro farò sempre il tifo. Al mio sostituto invece non posso che fare un grosso in bocca al lupo e augurargli il meglio. Divertitevi sul set così che da casa si possa fare lo stesso”.

E ancora:

“Chiudo dedicando un pensiero ai bifolchi e alle caciottare che scrivono di me: da sei anni a questa parte mi hanno proposto le conduzioni di quasi tutti i programmi televisivi che conoscete e se non mi ci avete mai visto e mai mi ci vedrete è solo perché nel nome della coerenza so dire “no grazie”. Queste scelte mi hanno fatto rinunciare a una fracca di soldi che sinceramente mi avrebbero pure fatto comodo ma al contrario vostro mi posso guardare ogni giorno allo specchio senza sputarmi in faccia, quindi quando parlate di me o vi informate meglio oppure tacete. Ah quando non mi vedrete più in tv sarà solo perché non ho voluto io e non il vostro Dio”.

Dominique Antognoni ca**aro dei miei co**ioni

Chef Rubio….Mi mancherai!!!!

Cinema. “Tutto il mio amore folle”: il road movie di Gabriele Salvatores con Claudio Santamaria

Musica Italiana, Nuove Uscite. Francesca Michielin sta tornato con Cheyenne feat. Charlie Charles: “Arriverà dritta al cuore”