Sabrina Salerno la cantante pin-up più famosa d’Italia è nata a Genova il 15 marzo 1968 e muove i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo grazie ai concorsi di bellezza, arrivando a partecipare come concorrente a Miss Italia 1984.

Viene scoperta e lanciata come cantante da Claudio Cecchetto, che nel 1986 le produce il singolo “Sexy Girl”. Il brano diventa subito un successo in Italia, in Germania, in altri paesi europei e persino in Australia.

Arriva poi la sua hit più celebre “Boys (Summertime Love)”, con cui nel 1987 raggiunge la terza posizione della classifica britannica: divide il podio con Michael Jackson e Madonna.

E’ un cult la sua esibizione irriverente, insieme a Jo Squillo, al Festival di Sanremo del 1991 con “Siamo donne”.

Alterna periodi musicali, arrivando a collaborare con il produttore Giorgio Moroder (per il singolo “Like a Yo-yo”) e con Vasco Rossi nell’album “Maschio dove vai”, e momenti di televisione e teatro condividendo il palco con mostri sacri come Raffaella Carrà, Sergio Japino, Maurizio Crozza, Jocelyn, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, fino ad arrivare alla conduzione (in due serate) del Festival di Sanremo 2020.

Nel 2012 è attrice protagonista del film “Stars 80” diretto da Frédéric Forestier e Thomas Langmann (premio Oscar per il film “The Artist”) che riscuote un enorme successo in Francia e Belgio.

Con i suoi 20 milioni di dischi venduti è una delle artiste italiane che ha venduto di più all’estero!

LEGGI ANCHE: Super Sabrina! Lo spumeggiante universo di Sabrina Salerno

SABRINA 53 | LA PLAYLIST

Ecco la playlist SABRINA 53 ricca di brani energici, divertenti e sensuali:

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Pietro Delle Piane a Live: “A Temptation Island ho recitato un ruolo”. Panico negli studi di Barbara D’Urso che si dissocia

Raoul Casadei, non ci sarà il funerale. La figlia: “Lo saluteremo con una festa allegra e un bicchiere di sangiovese”