Torna il duo di rapper più attento alla componente lirica d’Italia, e lo fa in maniera magistrale

INFERNVM | LA RECENSIONE

Murubutu non ha bisogno di presentazioni. Classe 1975, ha attraversato la storia del rap italiano ritagliandosi lo status di artista di culto, riuscendo ad attrarre pubblico tanto dal canonico circuito rap quanto da quello amante del cantautorato, arrivando persino a costruirsi una solida fan base fra gli amanti della Trap.

Claver Gold invece è classe 1986, come il compagno-maestro è un amante della letteratura e del verso tornito, sebbene prediliga più di Murubutu il tema intimista ed autobiografico. In questo progetto i due uniscono le forze per sfornare un concept basato sulla discesa negli inferi di Dante e Virgilio così come descritta dalla Divina Commedia.

L’intro è ad effetto e cita letteralmente Dante. La base drammatica è sfregiata da voci distorte e incupite. Molto teatrale.

La base old skool fornisce lo spunto per la costruzione letteraria dei versi. Per chi conosce la produzione del duo, il brano non presenta nulla di nuovo rispetto al recente passato: il flow è ottimo, la base è puro accompagnamento.

Qui la base old skool si lascia influenzare da echi classici risultando godibile di per sé. Il testo come sempre superlativo.

Più complessa a livello musicale è “Paolo e Francesca”, in feat con Giuliano Palma. L’apporto di Palma dona un surplus di malinconia che sottolinea magnificamente il testo intimista di Murubutu e Gold… forse l’apice del disco.

L’altro apice del disco è la chiusura: qui la parte cantautoriale del duo risalta in maniera evidente, ricordando per malinconia e alcune scelte del flow la malinconia ironica di scuola romana.

Riassumendo un disco meraviglioso, ma del resto sia Claver Gold che Murubutu ci hanno abituato a navigare nell’eccellenza ad ogni uscita. L’unico appunto che si può fare ad un disco del genere è la monotonia delle basi, old skool standard con poche varianti: un difetto da poco, dato che i due artisti hanno come marchio di fabbrica la cura maniacale dell’aspetto letterario dei versi. Un album consigliato indistintamente a tutti.

VOTO: 8,5/10

AGGETTIVO: RAFFINATO

TRACKLIST

  1. Selva Oscura (feat. Vincenzo Di Bonaventura & DJ FastCut) – 2:06
  2. Antinferno (feat. Davide Shorty) – 3:08
  3. Caronte – 3:37 (musica: Thomas Ferri)
  4. Minosse – 3:10 (musica: Badnews)
  5. Paolo e Francesca (feat. Giuliano Palma) – 4:05
  6. Pier – 3:27
  7. Malebranche – 3:00
  8. Ulisse – 3:27
  9. Taide – 3:59
  10. Lucifero – 2:58
  11. Chiaro Mondo (feat. DJ FastCut) – 1:58

 

ALBUM: INFERNVM

ARTISTA: CALVER GOLD, MURUBUTU

ANNO: 2020

ETICHETTA: GLORY HOLE RECORDS

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 


Amedeo Preziosi: lo Youtuber che con una giravolta diventa trapper

Tiger Dek: il performer sospeso fra pop-dance e Trap