Nel Sanremo più sperimentale di sempre Ermal Meta si è distinto con una ballata standard. E ha funzionato perché il classico, se fatto bene, paga sempre.

UN MILIONE DI COSE DA DIRTI | LA RECENSIONE

Una cosa è certa. Ermal Meta si è presentato a Sanremo 2021 per vincere. E lo ha fatto in modo sfacciato, andandoci tra l’altro anche molto vicino. La sua “Un milione di cose da dirti” – pubblicata il 4 marzo per Tetoyoshi/Sony Music Italia e contenuta nel quinto disco di inediti del nostro, “Tribù urbana“, rilasciato il 12 marzo – è stata infatti in testa alla classifica per tutti e quattro giorni del Festival, cedendo il passo nella Finalissima soltanto ai vincitori della Kermesse Måneskin (“Zitti e buoni“) e al duo Francesca MichielinFedez (“Chiamami per nome“).

L’aspetto interessante del brano è stato quello di essere quasi fuori contesto ma nel contesto giusto. Nell’edizione più sperimentale di sempre, tra le chanson gitane degli Extraliscio, l’inno ipnotizzante all’amore de La Rappresentante Di Lista, o la rivoluzione portata da un’artista come Madame, la ballata del cantautore italo albanese è risultata molto rassicurante, classica e dal sapore quasi antico. Antico buono sia chiaro, perché scrivere una canzone standard e riuscire a farla girare bene non è un compito per tutti.

Paradossalmente quindi, con una proposta prettamente sanremese il brano di Ermal si è distinto in modo netto dagli altri, più macchinosi e meno immediati, merito di una canzone strutturata in modo ottimale, dall’inciso melodico e avvolgente seppur preceduto da un ponte forse leggermente anacronistico sul versante del testo, cosa in realtà non usuale nelle produzione del cantante; ci riferiamo a quel “Avrai il mio cuore a sonagli per i tuoi occhi a fanale” forse un po’ troppo scontato.

Una sbavatura assolutamente perdonabile per un pezzo che, però, ha come difficilissimo obiettivo quello di parlare a tutti, e “Un milione di cose da dirti” lo fa con eleganza e giusta dose di dolcezza. Ci sta. Maestro.

VOTO: 7/10

AGGETTIVO: CLASSICO

ARTISTA: ERMAL META

SINGOLO: UN MILIONE DI COSE DA DIRTI

ANNO: 2021

ETICHETTA: TETOYOSHI/SONY MUSIC

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Matilda De Angelis da Sanremo 2021 a Leonardo: l’attrice torna questa sera su Rai1

Gaia, che noia questo “Cuore amaro”