Il disco d’esordio del ragazzo campano è talmente debitore del suono del King milanese, da sembrarne il fratello minore.

Random (al secolo Emanuele Caso) è un rapper nato a Napoli e cresciuto a Riccione. Giovanissimo (è classe 2001) si è fatto notare proprio con l’album oggetto di recensione, per poi diventare un piccolo caso commerciale con il successo del brano “Chiasso” su Spotify.

L’intro ci da un’idea di cosa ci aspetta. Brano pianistico che all’improvviso sfoccia in una trap alla Sfera (con tanto di autotune a quintalate), le barre sono molto semplici, e hanno come argomento l’eterno essere incompresi dal mondo.

Il secondo brano mette ancora più in primo piano la stretta dipendenza di Random e del suo producer Zenit da quanto già detto e ridetto meglio dalla mitica coppia Sfera Ebbasta/Charlie Charles. Sebbene la produzione sia più grezza e a tratti amatoriale, è impossibile non accorgersi di come il rapper di Riccione mimi il King di Cinisello Balsamo.

Di livello leggermente superiore  è “Bonfire”, dal mood più americaneggiante. Qui se non altro Sfera sta sullo sfondo, e non troneggia ad ogni secondo della traccia.

Per trovare qualcos’altro degno di menzione bisogna correre a fine disco, e ascoltarsi questa latino trap di discreta fattura. Nulla di che, ma se non altro scorre senza pesanti ombre a inficiarne l’ascolto.

Che altro dire? Un disco così alla Sfera che sembra un demo rubato agli esordi del King. Barre adolescenziali, produzione altalenante, autotune sganciato ovunque come napalm, basi sentite e risentite fino allo sfinimento, “Giovane oro” è un disco mediocre nel senso etimologico del termine. Evitatelo.

VOTO: 4/10

AGGETTIVO: ricalcato

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Fluss
  3. Bonfire
  4. Giovane Oro
  5. Ritornerai
  6. Il cammino
  7. Non capisco
  8. Il prescelto
  9. Neve
  10. Dvc
  11. Collateral 1
  12. Fuego

ALBUM: GIOVANE ORO

ARTISTA: RANDOM

ANNO: 2018

ETICHETTA: RANDOM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

 


Diodato vince il David di Donatello per il brano “Che vita meravigliosa”, colonna sonora del film di Ozpetek

FIMI Classifiche, settimana #19 del 2020: Risultati strepitosi per Ghali in Top Album e Top Singoli