Oggi, 3 febbraio, festeggiamo il compleanno di Ferzan Özpetek, regista italiano ma di origini turche che ha cambiato per sempre la storia del cinema italiano, diventando il simbolo della comunità lgbt+.

Nato a Istanbul nel 1959 si trasferisce in Italia per studiare cinema e regia alla Sapienza di Roma, all’Accademia Navona e all’Accademia nazionale d’arte drammatica. Dopo alcune esperienze teatrali con il Living Theatre e Julian Beck, entra nel mondo del cinema collaborando con Massimo Troisi, Maurizio Ponzi, Ricky Tognazzi, Sergio Citti e Francesco Nuti. Nei suoi lungometraggi emozioni intense e vicende appassionanti: ha raccontato gli intrighi turchi ne “Il bagno turco” (1997) e “Harem Suare” (1999), la comunità lgbtq+ romana ne Le fate ignoranti” (2001), i ricordi del periodo fascista ne “La finestra di fronte” (2003), la ricerca della figura materna in “Cuore sacro” (2004), l’elaborazione del lutto in “Saturno contro” (2007), la violenza tragica in “Un giorno perfetto” (2008), il coming out in “Mine vaganti” (2010), le commedie teatrali degli anni ’40 in “Magnifica presenza” (2012), l’amore travolgente in “Allacciate le cinture” (2014), il legame con la sua città natale in “Rosso Istanbul” (2017), gli enigmi partenopei in “Napoli velata” (2017) e la famiglia omogenitoriale in La dea fortuna” (2019), senza tralasciare l’amore per la musica leggera italiana, elogiata in tutti i suoi film e nei videoclip di “È l’amore” per Mina-Celentano e “Ho amato tutto” di Tosca.

PLAYLIST | ÖZPETEK 62

Nella playlist ÖZPETEK 62 le più belle canzoni che compongono le evocative ed emozionanti colonne sonore dei suoi film: dai brani nati insieme ai film come “Che vita meravigliosa” di Diodato, “Gocce di memoria” di Giorgia, “Passione” di Neffa, “Sogno” di Patty Pravo, “Vasame” nella versione di Arisa, “Un altro cielo” di Ermanno Giove, “Il sole al Nadir” di Pivio e Aldo De Scalzi con la voce di Antonella Ruggieroalle canzoni già note come “Due destini” dei Tiromancino, “Luna diamante” di Mina-Fossati, “Yara” dei Radiodervish, “A mano a mano” nella versione di Rino Gaetano, “Tutt’al più” e “Pensiero stupendo” sempre della Pravo, “Ma che freddo fa” di Nada, “50mila” di Nina Zilli, “Senza voce” di Pietra Montecorvino, “Je suis venue te dire que je m’en vais” nella versione di Carmen Consoli, “Chihuahua” di Minasenza tralasciare la musica turca e le bellissime voci di Sezen Aksu, Aynur e Yasemin Sannino. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS


Al via il processo per la morte di Eleonora Perraro, presa a morsi in faccia e poi strangolata (VIDEO)

Morta l’artista e icona trans Sophie in un incidente ad Atene. Aveva 34 anni