Francesca Michelin annuncia

Francesca Michielin sta tornando con nuova musica. La giovane cantautrice veneta ha infatti annunciato il nuovo singolo dal titolo “Cheyenne”, fuori ovunque da venerdì 15 novembre 2019 per Sony Music Italia. Il brano è la prima anticipazione del suo quarto album discografico, di prossima pubblicazione, ideale successore di “2640”, uscito all’inizio del 2018.

Francesca Michielin torna, dopo singoli di successo come Non abito al mare, scritto da Calcutta, e Vulcano, con questa attesissima nuova canzone, frutto della collaborazione con il produttore milanese Charlie Charles, tra le firme della mega hit Soldi di Mahmood e punto di riferimento della scena trap italiana degli ultimi anni.

“È difficile scegliere quei pochi suoni, giusti, avvolgenti, che esaltino il testo, che non schiaccino la voce, che sappiano emozionarti. Charlie Charles è il produttore perfetto per Cheyenne perché ha saputo renderla per ciò che è nella natura del brano: non avere sovrastrutture e arrivare dritta al cuore come una freccia”, ha scritto la cantante dal suo profilo Instagram.

Leggi anche: Mahmood trionfa agli MTV EMA 2019 e torna in studio con Takagi & Ketra

Francesca Michielin e il duetto con James Morrison

Prima del suo ritorno da protagonista con Cheyenne, la Michelin ha duettato con James Morrison sulle note di Glrorious. I due hanno anche cantato insieme dal vivo a Milano in occasione dell’unica data italiana del tour del cantautore britannico.

La canzone è stata pubblicata lo scorso 18 ottobre. Morrison, che ha duettato con artiste del calibro di Jessie J, Nelly Furtado e Joss Stone, ha così spiegato come è nata la voglia di cantare con la vincitrice della quinta edizione di X Factor Italia: “Ho sentito Francesca alla radio, sono rimasto impressionato dalla sua voce ho chiesto informazioni, ci siamo messi in contatto e abbiamo deciso di collaborare a questo brano, che grazie a lei ha una nuova linfa vitale”. E poi aggiunge: “Mi piace molto il fatto che canti in italiano, che il suo timbro non venga snaturato. Trovo la lingua italiana armoniosa e bellissima”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteMusica Italiana, Recensioni. “Ti porto in Africa” di Mango compie 15 anni: tre ragioni per riascoltarlo
Articolo successivoMusica Italiana, Nuove Uscite. Mietta è pronta a stupire con “Cloro”, il nuovo singolo bomba. ANTEPRIMA TESTO
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".