Nella puntata di questa sera, quinto Live Show di X Factor 13, i sette concorrenti rimasti in gara hanno fatto il loro debutto ufficiale nel mercato discografico presentando per la prima volta i loro inediti al primo vero giudice di ogni artista: il pubblico. Ed è stato proprio il pubblico sovrano questa sera, grazie alla novità della formula OUT NOW studiata a sorpresa dagli autori del programma, a decidere che sarà Giordana Petralia ad andare al ballottaggio al prossimo Live Show con il concorrente il cui inedito avrà avuto il minor numero di ascolti e download la prossima settimana sulle varie piattaforme digitali. In attesa della classifica degli inediti dei 6 concorrenti rimasti in gara stilata dalla GfK Italia per stabilire qual è il brano che ha avuto il minor impatto e gradimento sul mercato, noi abbiamo stilato la nostra classifica dei promossi e dei bocciati di questa quinta puntata Live di X Factor in base alle esibizioni dei concorrenti nel corso della serata.

Ecco le nostre pagelle.

 

 

 

Davide Rossi – VOTO 7,5. Il ventunenne di Rieti si conferma un asso del canto e del pianoforte, suo immancabile compagno di palco, anche con questo inedito in inglese che ricorda vagamente Tainted Love dei Soft Cell. E’ innegabile che “Glum“, questo il titolo del brano che Davide ha presentato per la prima volta al pubblico del Dome di Monza, scritto da Roberto Vernetti e da Michele Clivati, sia un pezzo assolutamente nelle sue corde, vocali e non, ma a questo punto della gara ammettiamo di aver voglia di qualcosa di più. Più coraggioso? Senza dubbio. Ma anche più “Glam”, e meno “Glum“…

 

Giordana Petralia – Voto 3. A 16 anni ricevere in regalo la possibilità di cantare un pezzo firmato da Sia non capita certo tutti i giorni, ma Giordana ce l’ha messa tutta per sprecarla. Il pezzo è Chasing Paper” ed è un brano deliziosamente funky che ammicca al sound degli anni Ottanta. Non è un pezzo facile, è vero, ma questa sera per Giordana è sembrato quasi impossibile. La Petralia ha collezionato stecche su stecche fra un acuto e un gorgheggio e alla fine il pubblico, giustamente, l’ha spedita al ballottaggio al prossimo Live Show. “Sia quel che Sia”, anche per noi non passa.  

Sofia Tornambene – VOTO 7. A domani per sempre è il brano inedito che Kimono aveva già portato alle Audition e che questa sera ha confermato ancora una volta il talento indiscusso di questa giovanissima cantante. Tuttavia, è talmente pieno di citazioni e di somiglianze con altri brani e altri interpreti della musica italiana, da Francesca Michielin a Samuele Bersani, passando per De Gregori e le sonorità degli Stadio, che odora tanto, troppo, di già sentito. Ammettiamo che scrivere un proprio brano a 16 anni non è da tutti e che Sofia scrive bene e, soprattutto, canta bene. A metà della gara, il podio appare sempre più vicino per lei e il successo radiofonico di “A domani per sempre” quasi scontato. Che il titolo del suo inedito sia una promessa?

Eugenio Campagna – VOTO 7,5. Non c’è dubbio che soddisfi l’appetito di musica indie pop del pubblico contemporaneo con i suoi fiocchi di Cornflakes” questo inedito di Eugenio aka Comete. Tuttavia anche questo pezzo, come quello di Sofia, gioca la carta un po’ noiosa del “già sentito” e pare un medley del meglio di Coez, Gazzelle, Calcutta e Aiello. Ma Eugenio Campagna dov’è? Sicuramente sul nostro podio dell’edizione numero 13 di X Factor. In futuro, si vedrà.

 

Nicola Cavallaro – VOTO 6,5. Con il suo inedito Like I Could“, che porta la firma prestigiosa di Tom Walker, Nicola stacca idealmente il suo biglietto di partecipazione all’Eurovision Song Contest. E’ senza dubbio il brano più internazionale di tutti quelli presentati nel corso della puntata. Per noi anche il più azzeccato per il particolarissimo timbro vocale di Nicola. Del resto, lui stesso lo aveva detto: “Il mio è un inedito con sonorità assolutamente internazionali e moderne che ne fanno qualcosa di nuovo per un artista italiano che prova a saltare le Alpi a petto in fuori“. Ti auguriamo di saltare lontano Nicola, almeno fino sul podio di X Factor!

Booda – VOTO 4. Il trio romano formato da Federica Buda, Alessio Sbarzella e Martina Bertini che ci aveva abituati finora ad esibizioni piene di energia e talento da vendere, questa sera più che spaccare sul palco, ha spaccato timpani e infranto cuori. L’approccio con l’italiano con il loro inedito “Elefante” è stato a dir poco disastroso. Altro che “musica potente dal ritmo tribale“, come l’ha definita il loro giudice Samuel. A noi è parsa decisamente più calzante la definizione di Mara Maionchi: “C’era un gran casino di animali”. Booda bocciati (a malincuore).

 

Sierra – VOTO 6. Anche Giacomo e Massimo portano lo stesso inedito con cui si sono presentati alle Audition, Enfasi, ma questa volta l’arrangiamento regala al brano dei Sierra una nuova veste, più convincente. La base curata da Big Fish e la scelta di cantare la canzone nella sua versione integrale funzionano: forse il pezzo risulta un po’ più pop e meno rap, ma il pubblico ha gradito e anche noi. Avanti così, con Enfasi.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

 

 


Musica, X Factor 13, quinta puntata. Gli inediti convincono a metà: Sofia mette d’accordo tutti. De Gregori, Venditti e Mahmood: che esibizioni!

Musica Italiana, Concerti. Modà: al via il 2 dicembre a Bologna il Testa o Croce Tour