Truth Over Magnitude: il terzo album di Conchita Wurst dal 25 ottobre

Manca pochissimo all’uscita del terzo album in studio di Conchita Wurst. Il 25 ottobre ottobre uscirà il suo nuovo progetto discografico dal titolo “Truth Over Magnitude”, con tante novità e un importante “cambiamento”.

Questo nuovo lavoro, il cui titolo abbreviato diventa T.O.M come il suo vero nome, segna un’evoluzione nella carriera del cantante austriaco diventato famoso grazie alla vittoria all’Eurovision Song Contest del 2014. Thuth Over Magnitude, infatti, si prospetta come un disco di rottura rispetto al passato in cui lo stile musicale si rinnova e il suo personaggio di iconica drag queen barbuta subisce in qualche modo una trasformazione, sdoppiandosi in Conchita e Wurst.

Scelta alquanto sorprendente che però permette all’interprete di Rise Like a Phoenix di esprimere a tutto tondo la sua sfaccettata e poliedrica personalità. In questo modo, quindi, continuerà a portare avanti, soprattutto a livello scenico, la sua parte femminile, ma allo stesso tempo darà spazio anche a quella maschile, rappresentata dal nuovo personaggio Wurst.

Conchita WURST: il 25 ottobre esce il nuovo album “Truth Over Magnitude”

Dopo l’album di debutto Conchita e il secondo From Vienna With Love, il nuovo disco conterrà 12 tracce, sia uptempo che ballate, e virerà verso sonorità più elettroniche e sperimentali.

Truth Over Magnitude (in uscita il 25 ottobre 2019) è anticipato dai singoli Trash All The Glam e Hit Me, brano quest’ultimo in cui viene affrontato un tema personale e delicatissimo: l’essere persona Hiv+.

Ma non solo, Conchita WURST ha rilasciato anche altre tre anteprime che fanno capire come sarà il sound e il mondo musicale del nuovo progetto. I brani in questione, ascoltabili su Spotify (link) si intitolano See me now, To The Beat e Forward.

Truth Over Magnitude di Conchita WRUST: la Tracklist

Satori
To The Beat
Can’t Come Back
Resign
Under The Gun
Kuku
Forward
Six
Truth Over Magnitude
Trash All The Glam
Hit Me
See Me Now

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteMusica Italiana, Nuove Uscite. WA: “Blue Thinking” è il nuovo album della band
Articolo successivoMusica Italiana, Nuove Uscite. Giulia Ventisette: la cantautrice mette in discussione una delle massime di Darwin con il nuovo singolo
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".